Lunedì, 17 Maggio 2021
Economia

"Pro.Me.Ca.", all'Isii Marconi entrano le aziende meccaniche aderenti a Confindustria

Benvenuta dunque ogni sinergia con la scuola superiore che forma i tecnici del domani, di cui è un importante esempio il laboratorio di progettazione meccanica avanzata “Pro.Me.Ca” realizzato grazie al contributo di Confindustria e delle sue aziende associate

Un momento dell'incontro

La formazione tecnica dei propri operatori è diventata fondamentale per l’industria piacentina, «tanto che - come ha ben sottolineato il presidente di Confindustria Alberto Rota- essere competitivi è una necessità». Benvenuta dunque ogni sinergia con la scuola superiore che forma i tecnici del domani, di cui è un importante esempio il laboratorio di progettazione meccanica avanzata “Pro.Me.Ca” realizzato grazie al contributo di Confindustria e delle sue aziende associate (Amada, Antas, BFT, Burzoni, Bassi, Capellini, Casella, Forpin, FPS, Jobs,Mandelli Sistemi, Motridal, Raccordi Forgiati, Rolleri Manifacturin, Rota Guido, Struttura System, Tecnogen, Tectubi Raccordi, Rebecchi Group, Unifer).

Con questa nuova dotazione gli studenti della scuola potranno completare il loro apprendimento, integrando lo studio delle materie tecniche con le metodologie di lavoro applicate al mondo produttivo.

Dopo un corso di formazione dei docenti, già dall’anno scolastico in corso, sarà possibile compiere esercitazioni in un laboratorio nel quale il ciclo progettuale aziendale sarà seguito a 360° attraverso l’integrazione del processo con simulatori  dedicati all’automazione pneumatica ed oleodinamica.

Al termine del percorso formativo agli studenti che supereranno un esame finale sarà rilasciato un attestato che sarà loro molto utile per il successivo ingresso nel mondo del lavoro. Le potenzialità del laboratorio possono trovare terreno fertile sia nell’attività scolastica consentendo di far acquisire agli studenti competenze specifiche nel settore progettuale produttivo attraverso un taglio di estrazione industriale, ma anche verso le aziende del territorio che potranno richiederne l’utilizzo per la formazione del loro personale.   

«La Fondazione Agnelli- ha ricordato il dirigente scolastico Mauro Monti- ha evidenziato che il tasso di occupazione “in uscita” dai tecnici è pari all’80%, con un territorio, quello piacentino, che è in grado di assorbirgli. Anzi ci sono potenzialità di crescita grazie a questo rapporto sinergico che il mondo produttivo mostra verso di noi per migliorare il livello professionale degli allievi. Vogliamo valorizzare al meglio questa struttura e diversificare gli indirizzi (ultimo in ordine di tempo quello della logistica) per ottemperare alle richieste del mondo del lavoro».

Un concetto ribadito da Rota che si è detto «fiero di essere qui in una scuola essenziale per il mondo produttivo piacentino», con aziende sensibili che Sergio Bursi, in rappresentanza della Provincia, ha voluto ringraziare per l’iniziativa.

Una scuola l’ISII Marconi con un gruppo di ex allievi e docenti attivissimo nel promuovere iniziative per migliorare la didattica come ha evidenziato Gianluca Andrina direttore commerciale Burzoni e dal prof. Maurizio Pavesi docente di matematica per 29 anni presso l'Istituto.

Ospite d’onore anche l’ex allievo e ingegnere Filippo Perini, che ha ricordato come questa scuola «rimane nel cuore e mi ha insegnato pragmatismo e voglia di fare».

Perini, dopo la laurea in ingegneria, ha lavorato prima in Alfa Romeo, quindi è stato  assunto a tempo pieno dal Centro Stile Alfa Romeo partecipando allo sviluppo delle Alfa Romeo GTV e Spider del 1995, 156 del 1997, 166 del 1998, oltre che alle concept car Nuvola e Kamal. Nel 2001 viene nominato capo del design degli esterni e, come ultimo progetto per la casa milanese, firma in questa veste la concept car dell'Alfa Romeo 8C Competizione presentata nel 2002.

Nel 2003, chiamato da Walter de Silva con cui aveva già collaborato in Alfa Romeo, passa a far parte del gruppo Audi e nel 2004 diviene direttore del design degli esterni alla Lamborghini, partecipando ai progetti delle nuove evoluzioni delle Mucièlago  e Gallardo oltre che della concept car Lamborghini Miura Concept. Nel 2006 è stato promosso a capo design della casa. Nel 2015, sempre seguendo Walter de Silva, è passato ad un'altra azienda del gruppo, la Italdesign di cui è diventato direttore del centro stile. Un ex allievo che fa onore alla scuola in cui si è formato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Pro.Me.Ca.", all'Isii Marconi entrano le aziende meccaniche aderenti a Confindustria

IlPiacenza è in caricamento