menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Cereali (FOTO GIS IMAGE)

Cereali (FOTO GIS IMAGE)

Condifesa Piacenza, al via la campagna assicurativa per i cereali autunno-vernini

Da subito quest’anno il Condifesa di Piacenza ha aperto la campagna assicurativa riferita ai cereali autunno vernini

Da subito quest’anno il Condifesa di Piacenza ha aperto la campagna assicurativa riferita ai cereali autunno vernini.  «Il 2017 - chiarisce il direttore Stefano Cavanna - presenta una importante novità perché i nostri associati potranno scegliere le avversità non più a “pacchetti”, come per esempio per il pomodoro che presupponeva, nel 2016, grandine, vento e pioggia. Con il 2017 invece grandine, pioggia e “colpi” di sole, un evento più facilmente suscettibile nei mesi estivi per le nostre coltivazioni di pregio».

Quella dedicata ai cereali già seminati avviata da subito intanto permette di mettere al riparo dai rischi atmosferici le produzioni già seminate, senza aspettare l’apertura della campagna estiva prevista normalmente per il mese di aprile. «Grazie a questo strumento - precisa Cavanna - eventuali calamità atmosferiche che si verificheranno durante i prossimi mesi, saranno garantiti e verranno risarciti alle aziende agricole. Una copertura comprensibilmente più costosa di quella primaverile, (la copertura si estende per più mesi), ma che sta dando soddisfazione ai nostri soci per completezza di eventi coperti e soprattutto per il fatto di essere attiva nei mesi invernali quando le precipitazioni possono essere più copiose».

Quest’anno dunque si è partiti in anticipo e quindi le diverse compagnie stanno elaborando le proprie proposte per il Condifesa che proprio quest’anno rinnoverà il proprio Cda (l’attuale presidente è Gianmaria Sfulcini). «Si è verificato negli anni passati - riferisce il direttore - qualche problema con i sistemi informatici che hanno complicato le incombenze burocratiche, ma ora il sistema inizia a funzionare, gli stanziamenti ci sono, anzi qualcosa più del previsto».

Per quanto riguarda i cereali il dato della campagna 2016 è significativo del buon funzionamento dello strumento assicurativo: il Condifesa Piacenza ha pagato infatti premi alle compagnie di assicurazione per circa 350.000€ e sono stati periziati danni per circa 950mila quasi per la totalità, l’avversità maggiore, è stata il vento forte. Con i drammatici e palesi effetti dei cambiamenti climatici che si sono manifestati nell’ultimo anno e con il moltiplicarsi di eventi estremi come precipitazioni che si trasformano in vere e proprie bombe d’acqua, il Consorzio di difesa di Piacenza ha quindi deciso di aprire in anticipo la campagna assicurativa per i cereali autunno vernini come grano ed orzo. Infatti, quello che un tempo era un pacchetto assicurativo che tutelava il contraente solo nei confronti della grandine, oggi si è esteso ad altri eventi come l’eccesso idrico ed il vento, agenti che possono manifestarsi con maggior frequenza in questa stagione. 

«Insomma - afferma Cavanna - le nuove polizze sono sempre più complesse, ma sono anche più complete. Abbiamo per questo deciso, di accelerare al massimo per aprire la campagna anticipatamente, scongiurando così il rischio che le avversità che si verificheranno in questi mesi non si trasformino in “ante rischio”, ovvero eventi non risarcibili perché verificatisi prima della stipula del contratto assicurativo stesso».

«Gli imprenditori agricoli - ribadisce Gianmaria Sfolcini, presidente del Consorzio piacentino, potranno così mettere in copertura immediatamente le produzioni seminate, preservando il proprio reddito e le proprie produzioni da eventuali calamità invernali. Le polizze multirischio contro le avversità atmosferiche per l’annata 2015-2016, saranno coperte da un contributo pubblico che arriverà fino al 65% del premio agevolato».

«Il termine entro il quale è possibile assicurare queste produzioni dai rischi principali della stagione fredda - spiega il direttore Stefano Cavanna - che potrebbero compromettere la crescita delle piantine durante la fase fenologica più delicata, è fissato per il 31 gennaio. Gli agricoltori interessati, dovranno rivolgersi ai propri CAA di riferimento al fine di presentare la manifestazione di interesse e successivamente procedere alla copertura delle produzioni. Il Condifesa è a disposizione di tutti soci per aiutarli nella scelta della migliore polizza».

E per concludere, qualche dato relativo al 2016: sono aumentate le superfici assicurate (20.816,72, il 3,98% in più per un valore assicurato di 155.948.867  Euro, con 6.376.848 di premi pagati e 9.482.639 Euro di risarcimenti. Il prodotto più risarcito è stato il pomodoro, soprattutto causa la grandine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento