Confagricoltura Piacenza in assemblea generale, si vota l'11 novembre

Gasparini chiude il primo mandato: «Quest’epoca è un mare in tempesta, ma l’associazione è solida e ancorata ai suoi valori». Election day l’11 novembre

L'assemblea

Si è tenuta questa mattina al Park Hotel, l’Assemblea Generale Straordinaria e Ordinaria di Confagricoltura Piacenza. L’evento a porte chiuse e nel rispetto dei protocolli anti-Covid ha visto i soci, per la parte straordinaria, deliberare un cambio statutario al fine di adeguare norme e funzionamento dell’associazione territoriale a quanto stabilito a livello nazionale. Nulla di particolarmente sostanziale se non una maggior sinergia con il quartier generale di Palazzo della Valle e una modifica della durata in carica degli organi direttivi che avranno mandato quadriennale e saranno rieleggibili consecutivamente solo per un secondo quadriennio, proprio come quelli di emanazione nazionale. L’assemblea ordinaria ha fatto immediatamente seguito a quella straordinaria. Era stata inizialmente programmata per la scorsa primavera, ma la pandemia ha costretto a un allungamento dei termini. Fissata anche la data delle prossime elezioni: si terranno l’11 novembre, a distanza di un anno preciso dalla celebrazione del centenario. L’assiste ha suggellato la fine del primo mandato di Filippo Gasparini e della Giunta eletta ad aprile 2017 ed è stata, come nelle attese, proprio la relazione conclusiva del presidente a tracciare un bilancio di questi tre anni. «Se tra cent’anni qualcuno guarderà indietro per rileggere la storia della nostra associazione vedrà, in questa parentesi di tempo, due macro eventi, molto diversi: il centenario e la pandemia da Covid-19. I nostri valori celebrati e ricordati nel centenario sono ancora saldi e lo abbiamo visto anche nel come le nostre imprese e la nostra associazione hanno reagito alla pandemia. Ringrazio il dottor Casagrande per il lavoro di questi anni, in tutta onestà credo che si aspettasse una realtà più tranquilla, invece abbiamo fronteggiato sfide significative trovandolo sempre determinato e positivo alla guida della squadra. La fatturazione elettronica, nuovi adempimenti e nuove modalità comunicative hanno originato mutate necessità e sono stati l’occasione per avviare un percorso di cambiamenti organizzativi e nell’erogazione dei servizi. L’associazione è stata consolidata, potenziata, mantenendosi allo stesso tempo solida e con i conti in ordine. Il mio grazie va anche a tutta la squadra dei collaboratori che ha assecondato il cambiamento e soprattutto ha retto nel migliore dei modi quando a marzo di quest’anno si è vista piombare addosso il lockdown. Nel giro di una manciata di ore è stata in grado di delocalizzare gli uffici nelle proprie case e di erogare i servizi alle aziende, pur con parte del personale ammalato. La tragedia del Covid-19 è sicuramente un problema di portata eccezionale, ma è come abbiamo reagito ad essere stato determinate».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella sua relazione il presidente ha poi passato in rassegna la tematiche che hanno particolarmente impegnato l’associazione: acqua, fauna selvatica, normative e burocrazia. Attenzione anche per le specificità dei singoli comparti in un articolato intervento che non ha guardato solo al passato, ma anche agli obiettivi futuri. «Dal punto di vista sindacale, non c’è un argomento che riguardi l’agricoltura sul quale abbiamo taciuto, non c’è un tavolo istituzionale al quale non ci siamo seduti.  Abbiamo cercato di portare avanti la difesa degli imprenditori agricoli anche attraverso azioni dedicate alle problematiche degli specifici comparti, come la battaglia serrata affinché le quote produttive di Grana Padano venissero assegnate direttamente agli allevatori, o, quanto meno, questi potessero avere una loro rappresentanza diretta nel Consiglio del Consorzio di Tutela. È stata una stagione di proposte che non ritengo ancora esaurita, a riprova della validità della nostra istanza porto ad esempio quella analoga presentata a livello nazionale per la produzione dei prosciutti Dop. Noi ci siamo, non solo nei nostri campi, ma anche a fare da pungolo e da facilitatori a un cambiamento epocale che la pandemia ha reso improcrastinabile e che deve rimettere al centro l’uomo, il suo valore, e il suo dovere di governare il creato, proprio come abbiamo detto in occasione del nostro centenario. Pretendiamo che la centralità del nostro settore, non a caso denominato primario, sbandierata nel momento più difficile, venga riconosciuta anche dall’agenda politica ed economica, pretendiamo che si prenda coscienza delle vere priorità della società e che conseguentemente si agisca».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento