Confagricoltura Piacenza: patronato sprint fa le pratiche a un campione

Andrea de Adamich si è rivolto all'ufficio piacentino esprimendo il suo apprezzamento per l'attività degli agricoltori

Andrea de Adamich con Cristina Modenesi - Responsabile del Patronato Enapa di Confagricltura Piacenza

Nei giorni scorsi il Patronato di Confagricoltura Piacenza ha avuto il piacere di poter annoverare un assistito d’eccezione: Andrea de Adamich, il noto pilota di formula uno e giornalista sportivo che in molti associano alla trasmissione di successo Grand Prix ed al Centro Internazionale Guida Sicura di Varano de’ Melegari (PR). Che Enapa fosse un patronato sprint lo si sapeva, la scelta del campione conferma la tesi ed è stata accolta con piacere e con una punta d’orgoglio. De Adamich, molto gentilmente, ha anche scambiato un paio di battute sul suo rapporto con l’agricoltura.

"Vivo a Varano – ci ha raccontato de Adamich - in una casa padronale a 300 metri dall’autodromo. Ho comprato quella dimora nel 1990, faceva parte della tenuta Ancellotti, una dimensionata e moderna azienda agricola ad indirizzo zootecnico con una stalla di oltre 500 vacche da latte che conferisce il prodotto per la produzione del Parmigiano Reggiano e coltiva circa 300 ettari. Mi interessava quella casa perché era vicina all’autodromo, altri non l’avrebbero voluta per lo stesso motivo, ed allo stesso tempo immersa nella natura. Trasferendomi lì e divenendo amico dei fratelli Ancellotti ho costruito un mio legame con l’agricoltura. Quando, i primi tempi, chiedevo ai miei amici: "Cosa facciamo per l’ultimo dell’anno? Dove andiamo a Natale?" questi mi rispondevano che alle sei di tutti i giorni, Natale e Capodanno compresi, bisogna andare in stalla a mungere. Ho capito che fare l’agricoltore non è un mestiere come gli altri, richiede una dedizione totale ed è, allo stesso tempo, entusiasmante. Nell’agricoltura moderna, come quella che posso vedere sull’uscio di casa mia, il miglioramento della produttività viene conseguito attraverso l’impiego della tecnologia: trattori a guida satellitare, impianti fotovoltaici sulle stalle, sale di mungitura attrezzate ed automatizzate. Le aziende sono vere e proprie imprese, forse ancor più complesse di quelle degli altri settori: gli aspetti produttivo-gestionali sono legati ad elementi economico commerciali come le quotazioni delle materie prime e dei fattori produttivi, non si possono trascurare gli aspetti legati al benessere animale ed alla sostenibilità ambientale. E’ un mestiere complesso che richiede una preparazione a 360 gradi. Poter godere del contatto con la natura, poi, è meraviglioso. Lepri, volpi, scoiattoli, cinghiali, fagiani: sull’appezzamento attorno alla casa avvisto numerosi esemplari di diverse specie di fauna selvatica, questo la dice lunga anche sulla sostenibilità dell’attività agricola condotta ai livelli d’avanguardia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E’ stato un piacere poter ascoltare queste disinteressate parole d’apprezzamento per il valore dell’attività agricola e per l’impegno degli agricoltori" ha commentato la Responsabile del Patronato Cristina Modenesi. Ci permettiamo di chiudere con una battuta, dato che un recente decreto assoggetta a formazione tutti gli operatori che devono utilizzare le trattrici agricole: "Cosa ne pensa di organizzare insieme i corsi per la guida dei trattori?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento