menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Confapi ai tavoli ministeriali sulle misure a sostegno delle imprese

Le richieste: immediata decontribuzione salariale e premiare chi lavora

Il vicepresidente nazionale di Confapi Cristian Camisa ha incontrato ieri, assieme alle principali associazioni datoriali, il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo e il Ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli. Tema dell’incontro sono state le misure a sostegno delle imprese e dei lavoratori durante l’emergenza Covid.  Camisa ha voluto rimarcare il ruolo della piccola e media industria italiana come vero motore dell’economia chiedendo misure che tengano conto dell’aspetto dimensionale: «Le nostre esigenze sono spesso in antitesi con quelle della grande industria – evidenzia Camisa – pertanto è sempre di più necessario portare avanti interventi che tengano conto dell’aspetto dimensionale delle nostre aziende».

Durante l’incontro Camisa, a nome della piccola e media industria privata, ha portato diverse proposte per supportare le imprese e gli imprenditori a cominciare da un tavolo permanente che coinvolga il Governo, le principali associazioni datoriali e la parte sindacale per definire assieme le strategie da adottare nelle prossime settimane: «Non possiamo permetterci di improvvisare e inseguire gli eventi – spiega – sarebbe un colpo mortale per la nostra economia già così provata». Il vicepresidente nazionale ha inoltre rimarcato la necessità di un’immediata decontribuzione salariale almeno per un periodo pari al blocco dei licenziamenti, che avrebbe effetti immediati e diretti sulle aziende: «Le nostre industrie non hanno bisogno di sussidi, click day, assistenzialismo ma di misure chiare, dirette e immediate oltre ad interventi che generino investimenti con effetto leva e semplifichino la vita delle nostre imprese» evidenzia.
Camisa ha infine rimarcato la necessità di mantenimento della cassa integrazione Covid senza condizionalità anche per le seconde nove settimane senza contributi addizionali almeno fino al superamento della fase acuta. Nelle prossime settimane sono previsti nuovi incontri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento