Confapindustria, nuove prospettive a Taiwan per le aziende piacentine

Piacenza e Taiwan sempre più vicine grazie a Confapindustria presente al Taiwan Business Alliance Conference. Interesse per le aziende di lavorazione delle materie plastiche e alimentari

Andrea Paparo

Aziende piacentine sempre più vicine al mercato di Taiwan grazie a Confapindustria. Qualche giorno fa infatti il direttore Andrea Paparo è stato ospite del Taiwan Business Alliance Conference, il meeting internazionale promosso dal ministero degli Affari esteri di Taiwan per favorire l’incontro e gli scambi fra realtà imprenditoriali di tutto il mondo: diversi sono stati gli incontri che il dirigente di Confapindustria ha fatto con rappresentanti  tra cui Mrs Amy Ho, Ceo di Invest Taiwan Service Center, Taiwan Automotive Industry and Marketing Production e Asit (Association of service industries)  e con altre realtà produttive che si sono mostrate particolarmente interessate al mercato imprenditoriale piacentino.

Nello specifico le realtà più appetibili per il mercato di Taiwan sono risultate quelle impegnate nel settore della lavorazione delle materie plastiche: «In questo ambito si è creato un interesse notevole verso alcune aziende - ha confermato anche il direttore Paparo - e proprio su tale fronte siamo soddisfatti di poter dire che i primi contatti sono stati avviati: l’obiettivo è quello di proseguire e rafforzare questo genere di collaborazioni».

Ma quello della lavorazione delle materie plastiche non è l’unico settore su cui si potrebbe giocare l’unione fra Piacenza e Taiwan: «Nel mercato taiwanese la presenza di beni di consumo italiani, dove il Made in Italy, è meno diffusa - ha spiegato ancora Paparo - restano dunque diverse possibilità anche per il mercato italiano e piacentino. Potrebbe essere interessante anche sviluppare diverse forme di cooperazione in ambito tecnologico nel quale Taiwan è indubbiamente all’avanguardia».

L’obiettivo di Confapindustria di fatto è di aprire dei canali istituzionali attraverso cui il mondo imprenditoriale piacentino può costruire delle relazioni commerciali all’estero: «Vogliamo essere un tramite fra le aziende del nostro territorio e il mondo - ha affermato Paparo - e favorire i contatti e l’internazionalizzazione di realtà che spesso sono di piccole dimensioni e in questo modo possono essere agevolate a guardare verso orizzonti più lontani. Del resto come Confapindustria siamo saldamente radicati sul nostro territorio, ma guardiamo anche oltre. Con Taiwan l’intenzione è di costruire, se possibile, un contatto permanente come stiamo facendo in altri paesi». 

Presente anche Diego Maccagni, di Pappabuona srl, azienda del settore alimentare che commenta così: «Ringrazio Confapi per averci dato l’opportunità di entrare in contatto con una primaria azienda del mercato alimentare di Taiwan, con la quale speriamo di iniziare una collaborazione a breve. Sicuramente i canali istituzionali che ci sono stati messi a disposizione sono un viatico eccellente per l’ampliamento dei nostri mercati, per cui speriamo che iniziative simili si ripetano presto sia per noi che per tutti gli associati». 

Confapindustria Taiwan-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento