Confcooperative incontra i sindacati a tutela dei lavoratori lasciati a casa

Confcooperative Piacenza ha incontrato i sindacati del settore sociale al fine di procedere con le azioni di tutela delle proprie cooperative gravemente danneggiate dai provvedimenti di blocco delle attività disposti per arginare la diffusione del Coronavirus

Confcooperative Piacenza ha incontrato i sindacati del settore sociale al fine di procedere con le azioni di tutela delle proprie cooperative gravemente danneggiate dai provvedimenti di blocco delle attività disposti per arginare la diffusione del Coronavirus. 

Il tavolo con sindacati e cooperative tenutosi presso la sede dell’associazione in Viale S. Ambrogio è stato precipuamente attivato per esaminare le vie ad oggi perseguibili per proteggere il reddito dei dipendenti che si trovano, a seguito delle ordinanze, costretti a casa per la chiusura delle strutture nelle quali ordinariamente operano. Il novero degli strumenti ad oggi disponibili per le aziende è stato unanimemente giudicato inadeguato rispetto sia al sostegno al reddito dei lavoratori delle coop sociali interessate che alla sostenibilità economica delle cooperative. Le cooperative auspicano quindi che il Governo possa considerare tale situazione straordinaria e rispondere adeguatamente alle esigenze delle imprese e dei suoi lavoratori nei prossimi provvedimenti. 

È già ad oggi certamente gravissimo il danno economico dovuto alla sospensione del lavoro ed alla chiusura degli uffici di tante cooperative (e non solo) erogatrici di servizi alla persona: “per questo - sottolinea la direttrice di Confcooperative Piacenza Nicoletta Corvi – rimane più che mai attivo anche il nostro appello agli enti appaltanti; chiediamo infatti alle amministrazioni il massimo supporto e condivisione di provvedimenti relativamente alla fatturazione dei servizi non svolti conseguentemente alle ordinanze. Tutto questo al fine di superare insieme questo pesantissimo blocco delle attività, in modo da garantire centinaia di educatori, assistenti sociali, insegnanti, operatori socio-sanitari, psicologi e personale ausiliario”. 

Confcooperative Piacenza, attivatasi già dalle prime ore della crisi, conferma pertanto che è totale l’attenzione posta nel seguire l’evoluzione della situazione accompagnando le proprie imprese associate in tutte le procedure che è necessario attivare affinchè, alla seria emergenza sanitaria, non si aggiunga anche quella economica, altrettanto deleteria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento