Confindustria, presentato il portale web "Investinpiacenza"

Rota, presidente di Confindustria Piacenza: «Il progetto era già stato annunciato nel corso dell'esposizione universale "Expo 2015" e punta ad incrementare gli insediamenti produttivi»

Un momento della presentazione

Con il portale web "Investinpiacenza" si punta a «Favorire nuovi insediamenti produttivi nella provincia di Piacenza, attraverso un portale che fornisca adeguate e puntuali informazioni su aree industriali interessando investitori italiani e stranieri»:questo il fine del nuovo portale web "Investinpiacenza" che è stato presentato nella mattinata del 25 gennaio presso la sede di Confindustria Piacenza dal presidente Alberto Rota, alla presenza del Vice Presidente Maurizio Croci delegato per questo progetto, del vicesindaco Francesco Timpano e dei sindaci di alcuni dei comuni piacentini che hanno in progetto nuove aree industriali e produttive ubicati nei pressi di tangenziali, autostrade ed infrastrutture ovvero, oltre al Comune capoluogo, Sarmato, Caorso, Monticelli, Gragnano, Carpaneto, Fiorenzuola, Castelsangiovanni.

«Il progetto - ha spiegato il presidente Rota - era già stato annunciato nel corso dell'esposizione universale "Expo 2015", e punta ad incrementare gli insediamenti produttivi, attraendo sul territorio e quindi anche incrementando il residenziale, siti dove gli investitori italiani e stranieri (tra cui Francia e Germania) possano trovare alternative attrattive con semplificazioni burocratiche e riduzione dei costi e che quindi contribuisca alla promozione territoriale. E' nato - ha ribadito Rota - su stimolo di Expo 2015 nel quale, insieme, in sinergia, abbiamo investito molto in marketing territoriale. E' una sfida nella quale non siamo né i primi né gli ultimi, ma dove vorremmo essere i migliori».

«Expo 2015 - ha ricordato Timpano - ha creato un indotto che forse non abbiamo ancora conosciuto del tutto ed i riscontri ci dicono che il nostro territorio è stato visitato da aziende estere interessate principalmente ai prodotti, ma anche all’eventualità di insediarsi».

Timpano Rota-2L'obiettivo che prende le mosse da "Piacenza the place", analoga iniziativa attuata dal Comune di Piacenza, è dunque quello di offrire aree industriali proponendo agli investitori sia informazioni dettagliate sulle aree disponibili, sia sul contesto territoriale, di antica tradizione industriale e ricco di presenza manifatturiere e del terziario. Non solo terreni edificabili, quindi, ma anche cultura e territorio nella sua valenza. InvestinPiacenza e Piacenza The Place vanno quindi visti come due strumenti che dialogano tra loro e si integrano a vicenda con l'obiettivo comune di attrarre nuovi investitori secondo il consolidato principio del gioco di squadra.
Oltre alle aree del comune capoluogo, al momento il portale riporta informazioni di dettaglio relative ad aree di altri sette comuni che sono stati inseriti secondo una logica di prossimità dalle autostrada ed alle infrastrutture e soprattutto di disponibilità di aree classificate per insediamenti produttivi con significative dimensioni. Il portale è naturalmente aperto a tutti i comuni della provincia.
La realizzazione del portale, che è stata affidata a Dinamoweb, aprirà la strada ad una campagna di web marketing indirizzata che sarà sostenuta da Confindustria Piacenza e che renderà visibili le proposte piacentine ai target di investitori individuati in sede di partenza del progetto. Il portale sarà in continua evoluzione e mira ad essere il punto di riferimento per istituzioni, enti e soggetti economici interessati a far crescere la presenza di realtà produttive sul territorio. L'iniziativa coinvolge operatori immobiliari. Il portale sarà tradotto anche in inglese e francese, ad opera del liceo linguistico Gioia.

Secondo Alberto Belloni, delegato Rict Confindustria «Non siamo i primi ma è un’impresa che nasce per vendere la territorialità. Abbiamo cercato di comprendere ciò che cerca il mercato e verificato le richieste e ci sono a disposizione 18 aree. La domanda esiste, dobbiamo trovare i potenziali clienti, alcune migliaia, sia in Italia che in Europa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento