Consorzio Casalasco del pomodoro, il rinnovo delle cariche nel segno della continuità

Si è svolta presso la sede di Rivarolo del Re, l'assemblea ordinaria del Consorzio Casalasco del pomodoro che aveva tra i punti all'ordine del giorno l'approvazione bilancio 2015, la nomina del nuovo consiglio di amministrazione e del nuovo collegio sindacale per il triennio 2016-2018

Paolo Voltini

Si è svolta ieri sera presso la sede di Rivarolo del Re, l’assemblea ordinaria del Consorzio Casalasco del pomodoro che aveva tra i punti all’ordine del giorno l’approvazione bilancio 2015, la nomina del nuovo consiglio di amministrazione e del nuovo collegio sindacale per il triennio 2016-2018.

Nel corso della serata i soci hanno dapprima approvato all’unanimità il bilancio dello scorso esercizio, che ha visto un’ulteriore integrazione rispetto al prezzo di mercato del pomodoro, e hanno riconfermato pressoché nella quasi sua totalità, il consiglio di amministrazione uscente, con a capo il presidente Paolo Voltini, dando quindi un chiaro segnale di continuità.

43 anni, imprenditore agricolo e Presidente del Consorzio Casalasco dal 2002, Voltini ricopre anche le cariche di presidente di Coldiretti Cremona e del Consorzio Agrario di Cremona.

Durante l’assemblea, il Direttore Generale Costantino Vaia ha presentato la relazione sul bilancio 2015, soffermandosi poi in particolare sul nuovo piano di sviluppo commerciale e sui nuovi ed importanti investimenti dedicati ai tre stabilimenti del gruppo.

In particolare, nello stabilimento di Gariga già da gennaio sono iniziati importanti lavori di rifacimento. L’investimento del valore di 3,5 milioni di Euro permetterà un aumento della capacità produttiva, un ulteriore miglioramento della selezione della materia prima in ingresso e un’ottimizzazione delle risorse idriche. Inoltre sempre per il sito di Gariga per il 2017 è prevista l’installazione di nuove linee produttive che permetteranno un nuovo ampliamento della gamma dei prodotti finiti.

Questi investimenti sono supportati anche dalla positiva risposta degli agricoltori Piacentini che, dando seguito all’ampio consenso espresso a favore dell’operazione di fusione, hanno manifestato la volontà di sposare i progetti del Consorzio Casalasco attraverso gli impegni di coltivazione per il 2016 e la sottoscrizione di importanti quote del capitale sociale della cooperativa.

Casalasco, infatti, a seguito della fusione per incorporazione di A.R.P. - Agricoltori Riuniti Piacentini avvenuta ad ottobre 2015, si posiziona come primo gruppo di produzione e trasformazione di pomodoro da industria in Italia (come terzo gruppo in Europa) e chiude il 2015 con un fatturato di circa 250 milioni di Euro.

Il Consorzio nel corso 2015 ha confermato inoltre il suo importante ruolo di riferimento in ambito di co-packing nazionale ed internazionale attraverso importanti collaborazioni con multinazionali del food ed evidenziando una continua crescita del proprio brand Pomì sui mercati internazionali, in particolare quello americano.

In chiusura di assemblea, il presidente Voltini ha ringraziato tutta la compagine sociale per il supporto continuo dato alla cooperativa in questi ultimi anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento