menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Consorzio di Bonifica, il Tribunale di Piacenza sospende le elezioni

Sospese le elezioni consortili previste per il 13 e 14 dicembre

Il Tribunale di Piacenza (giudice Stefano Aldo Tiberti) ha sospeso – in seguito a ricorso presentato dalla Confedilizia territoriale – l’efficacia delle delibere del Consorzio di bonifica con le quali erano state indette per il 13 e 14 dicembre prossimi le elezioni per il rinnovo del Consiglio di amministrazione del Consorzio stesso. Secondo il Tribunale, la previsione statutaria relativa al voto telematico, «risulta funzionale all’esercizio da parte dei consociati/contribuenti del diritto di elettorato attivo, diritto soggettivo che consente a questi ultimi di concorrere alla formazione della volontà sociale; la mancata attuazione della norma statutaria appare risolversi, dunque, in una compressione della sfera giuridica dei consociati, quantomeno sotto il profilo dell’effettività dell’esercizio del diritto di voto». «La scelta del Cda di non adottare modalità di voto telematiche da remoto – si legge ancora nel decreto del Tribunale – appare inoltre stridente con il principio della più ampia partecipazione al voto da parte dei consorziati sancito dalla legge regionale, tenuto conto che nelle attuali condizioni fattuali di emergenza sanitaria l’implementazione del voto telematico appare ictu oculi più consona a garantire la massima partecipazione del corpo elettorale, oltre ad impedire l’esposizione dei votanti ad ulteriori e non necessarie occasioni di contagio». «La decisione del Tribunale di Piacenza – rileva Confedilizia – risulta essere la prima in Italia e costituisce un’importantissima affermazione dei diritti dei contribuenti dei Consorzi di bonifica».

FOTI (FD’I): «INTERVENTO ESTREMAMENTE PERTINENTE DA PARTE DEL TRIBUNALE»

«Apprendo con soddisfazione che, laddove non è arrivato il buonsenso da parte dei dirigenti del Consorzio di bonifica, sia intervenuta l’autorità giudiziaria». È il commento tranchant del deputato piacentino Tommaso Foti, con riferimento alla sospensione da parte del Tribunale di Piacenza delle elezioni per il rinnovo degli organi del Consorzio di bonifica. Foti aveva infatti formalmente interpellato il Ministero dell’Interno «rilevando l’insensatezza di svolgere in questa congiuntura pandemica le elezioni per il rinnovo degli organi consortili, atteso che tutte le altre votazioni stanno venendo differite». Per il parlamentare di Fratelli d’Italia «colpiscono positivamente anche le motivazioni del provvedimento del Tribunale, le quali fanno specifico riferimento alla assenza della possibilità di votazione in via telematica per i consorziati, la qual cosa – rivendica Foti – è stata da me a più riprese denunciata tanto in Regione Emilia-Romagna, così come alla Camera dei deputati». «Salvo clamorosi capovolgimenti giudiziari – conclude il deputato del movimento politico di Giorgia Meloni – non è peregrino dire che si sia evitata una scellerata forzatura in un periodo, quale quello attuale, che in tutta evidenzia dovrebbe indurre alla cautela».

PICCININI (M5S): «DECISIONE DEL TRIBUNALE DEVE ESSERE ESTESA A TUTTA LA REGIONE»

«La decisione del Tribunale di Piacenza di sospendere le elezioni del Consorzio di Bonifica accoglie in pieno le richieste che come MoVimento 5 Stelle sosteniamo da tempo. Il voto telematico non può essere più negato perché significa non rispettare le regole democratiche. Dispiace che sia dovuta intervenire addirittura la magistratura per sancire questo principio visto che anche la Regione per anni lo ha totalmente, e volontariamente, ignorato». È questo il commento di Silvia Piccinini, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle, alla decisione del Tribunale di Piacenza di sospendere le elezioni del Consorzio di Bonifica in programma per il 13 e il 14 dicembre. «Adesso anche gli altri enti consortili della nostra regione, chiamati a rinnovare le proprie cariche nelle prossime settimane, decidano autonomamente di rinviare le elezioni. Il caso di Piacenza segna un precedente chiaro che di certo non può essere ignorato», conclude la capogruppo regionale M5S. 

TAGLIAFERRI (FDI): «IL "TRIBUNALE" SMENTISCE LA REGIONE, NUOVA FIGURACCIA DI BONACCINI»

«Per fortuna c'è un giudice a Piacenza – è il commento del consigliere regionale di Fd’I Giancarlo Tagliaferri - che ha rimesso le cose a posto e fatto giustizia: peccato che la Regione abbia collezionato l'ennesima figuraccia. E sempre con lo stesso motivo: non ascoltare la voce delle forze politiche presenti in Assemblea legislativa. La decisione del Tribunale di Piacenza di annullare le elezioni per il Consorzio di Bonifica è la dimostrazione che avevamo ragione quando invitavamo Bonaccini e la sua Giunta a rispettare le norme antiCoronavirus e a rinviare il voto. Lo avevamo chiesto in nome dello stato di diritto e del rispetto dei morti, dei malati, dei loro famigliari e di tutto il mondo dei lavoratori della sanità. Ci hanno ignorato. Come sempre e come sempre hanno fatto fare brutta figura all'Emilia-Romagna. Se Bonaccini era in imbarazzo ad ascoltare Fratelli d'Italia poteva ascoltare la collega Silvia Zamboni dei Verdi che chiedeva le stesse cose. E invece no: il Governatore ha voluto mostrare i muscoli e se li è rotti. Lo ribadiamo: all'opposizione non ci sono degli incapaci, ma emiliano-romagnoli che hanno a cuore il bene della nostra terra: caro Presidente, caro Pd tenetelo a mente per le prossime volte perché, lo diciamo didascalicamente: dalle edicole ai Consorzi di Bonifiche, in poche settimane, avete fatto fare alla Regione più figuracce di quelle che l'ente ha fatto nei 50 anni precedenti».

EUROPA VERDE: «SODDISFATTI DELLA DECISIONE DEL TRIBUNALE»

Il Gruppo Europa Verde, che aveva chiesto con un’interrogazione alla Giunta regionale di intervenire per far rinviare il voto per il rinnovo dei componenti elettivi dei Consigli di Amministrazione dei Consorzi di bonifica, e di provvedere a organizzare il voto in modalità telematica, commenta positivamente la sentenza del Tribunale di Piacenza che ha sospeso le elezioni del Consorzio di Bonifica di Piacenza. «Sono soddisfatta che il Tribunale di Piacenza abbia riconosciuto con la sua sentenza che non disporre del voto online mina la partecipazione dei cittadini-elettori - afferma Silvia Zamboni, Capogruppo di Europa Verde e Vice Presidente dell’Assemblea legislativa -. Europa Verde lo ha ribadito pochi giorni fa in Assemblea legislativa chiedendo alla Giunta regionale di intervenire per far rinviare le elezioni nei Consorzi di bonifica rese precarie dalle restrizioni anti-covid e a maggior ragione dalla mancata attivazione del voto elettronico, nonostante sia prevista per legge da anni. È grave che sia dovuta intervenire l’autorità giudiziaria per sospendere il voto. Il consiglio di amministrazione del Consiglio di Bonifica di Piacenza avrebbe dovuto rinviarlo sua sponte, nel rispetto dei contribuenti-elettori piacentini. Mi auguro che dopo questa sentenza gli altri Consorzi di Bonifica in regione prendano atto che il voto elettronico è un diritto e non un optional e che decidano di posticipare le elezioni fino all’attivazione di questa modalità».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento