Consorzio Piacenza Alimentare: da Bologna si riparte per il mondo

Un 2016 di successi internazionali e un nuovo anno di progetti, di passi avanti: ecco il bilancio attuale del Consorzio Piacenza Alimentare

Un 2016 di successi internazionali e un nuovo anno di progetti, di passi avanti: ecco il bilancio attuale del Consorzio Piacenza Alimentare, uno dei principali e più longevi d’Italia. Grande orgoglio, dunque, per la qualità dei prodotti agroalimentari biancorossi, sempre più apprezzati sui mercati esteri, ma anche un impegno continuo nelle attività di promozione, nella valorizzazione di prodotti e produttori e nel settore Ricerca e Sviluppo, soprattutto per quanto riguarda il comparto biologico, la sostenibilità e il legame con il territorio. Investimenti a lungo termine, che hanno già portato ottimi frutti nell’anno appena trascorso, chiuso con un fatturato aggregato delle consorziate di circa 1,3 miliardi di euro, di cui - nei primi nove mesi - 163 milioni in esportazioni estere, soprattutto a livello europeo. Non sono mancati e proseguiranno con grande intenzione anche le aperture e i progetti verso i principali mercati emergenti del Far East, Cina, Dubai, Russia, Stati Uniti e Canada, anche tramite un fitto calendario di fiere ed occasioni espositive che copriranno tutto il 2017 e tutti i continenti. Il primo appuntamento è stato il 18 e 19 Gennaio a l Marca di Bologna, la fiera sui prodotti a Marca del Distributore (MDD): unica sul panorama italiano, seconda per importanza in Europa dopo la PLMA di Amsterdam e tra le prime a livello mondiale. Daf.al e La Pizza +1 sono le Consorziate piacentine che hanno presentato, nel capoluogo emiliano, i prodotti e le novità con cui continueranno a presidiare il comparto della Private Label, un settore che - anche durante la crisi - ha continuato a confermare la propria importanza, registrando nei primi sette mesi del 2016 una crescita a valore sull’anno precedente dell’1,8% per quasi 10 miliardi di euro (fonte IRI-Marca Bologna). Grande affluenza allo spazio espositivo de La Pizza +1, animato da un mood anni '50 per il grande ritorno di uno degli strumenti da cucina più amato del mondo: - Con Tostami – dice Marco Nicora, direttore commerciale dell'azienda - linea in novità assoluta, elaborata proprio alla vigilia della fiera - abbiamo ottenuto.approvazione dai clienti attuali e “stuzzicato” diversi clienti nuovi: una catena italiana con cui eravamo in contatto da tempo senza intrattenere veri e propri scambi ha accettato d’inserirla tra le proprie referenze. Agostino Fioruzzi di Daf.al conferma l'impressione positiva: - Marca si dimostra sempre una eccellente fiera per il consolidamento dei rapporti con la grande distribuzione italiana; non ritengo sia necessario aggiungere molto altro, ad un evento concentrato nel tempo e molto concreto qual è appunto questo. Sicuramente pertanto confermiamo già la nostra intenzione di partecipare alla prossima edizione. Nel futuro immediato, due consorziate parteciperanno ad altrettante manifestazioni internazionali: La Pizza +1 con il Presidente Sante Ludovico, dal 22 al 24 gennaio al Winter Fancy Food di San Francisco, consoliderà i rapporti con i referenti ICE-ITA sul mercato statunitense e su molti altri; Molino Dallagiovanna, dal 21 al 25 gennaio al XXVIII Sigep di Rimini, incontrerà alcuni tra i migliori buyer del mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento