Coronavirus, task force per aiutare le aziende piacentine in difficoltà

Fiere cancellate o ridotte, export bloccato, lavoratori che si rifiutano di viaggiare e di aprire pacchi e materiali provenienti dall’Est. Task force in Confindustria per aiutare le aziende

C’è poco da scherzare – come fa qualcuno – sul Coronavirus, che rischia di compromettere il 2020 di tante aziende piacentine. Ovviamente di quelle molto legate all’export con l’Oriente, ma non solo. «La Cina – ha detto al riguardo il presidente di Confindustria Piacenza, Alberto Rota – è un gigante dell’economia mondiale che si trova fermo da qualche settimana e rimarrà bloccato ancora a lungo. Tutte le aziende che lavorano con la Cina sono in difficoltà».

Per questo la Confindustria nazionale e quella piacentina hanno messo in piedi una “task force” per aiutare le aziende. «Le merci e le aziende cinesi sono ferme – prosegue Rota - ma anche quando ripartiranno temiamo che i flussi non saranno gli stessi antecedenti alla comparsa del Coronavirus». Il presidente Rota fa notare che sono ferme anche le fiere mondiali. «È stata annullata la fiera di Barcellona e non solo, è una cosa devastante per le imprese che progettano l’espansione del proprio volume d’affari in queste occasioni. Significa ritardare i propri progetti di un anno. Tutte le fiere hanno un calo del 30-Confindustria-640% di espositori e visitatori, altre vengono cancellate».

Di cosa si occupa la task force? «Cura l’aspetto legale – aggiunge Luca Groppi, del Centro Studi di Confindustria - per valutare se siamo in presenza di una causa di forza maggiore, ovvero il Coronavirus. Valuta quali contratti si possono rescindere e se si possono ottenere risarcimenti». Un esempio? «La partecipazione a una fiera può costare 40mila euro. Un’azienda può aver già affrontato le spese e non può poi partecipare. Proprio stamattina abbiamo contattato un’azienda piacentina che aveva speso 200mila euro per l’allestimento di una fiera in Germania. La task force aiuta le aziende piacentine a risolvere la situazione».

Ma il Coronavirus causa problemi anche qui. «Ci sono dipendenti piacentini – rende noto il presidente Rota - che non vogliono aprire pacchi che provengono da oltre l’Ungheria. Altri che non vogliono più viaggiare. In Cina – a Pechino, a Shangai – molti stanno andando, ma tanti altri no. Sono temi anche sindacali importanti: c’è un discreto numero di lavoratori che non intende rispettare i suoi compiti, ha paura del Coronavirus. La task force interna alla nostra associazione serve anche a questo. Stanno arrivando tutti i giorni nuovi dubbi, quesiti e problemi». «Il problema dei pacchi e pacchetti che non vengono aperti– dice Groppi – non ce lo aspettavamo. Gli imprenditori non sanno cosa fare».  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento