Dalla Banca di Piacenza 12mila euro alla Caritas: «Autentica opera di solidarietà»

Il presidente della Fondazione Autonoma Caritas Diocesana, Giuseppe Chiodaroli: «Questo importante contributo rappresenta un elemento di tranquillità, un segno della Provvidenza»

Il condirettore generale Pietro Coppelli consegna il contributo al presidente della Fondazione Autonoma Caritas Diocesana, Giuseppe Chiodaroli

Oltre a destinare parte dei propri utili di bilancio ad iniziative di pubblico interesse e di solidarietà, la Banca di Piacenza promuove e realizza ogni anno vari progetti per incrementare il sostegno economico indirizzato, soprattutto, alle realtà più bisognose del territorio. Si legge in una nota dell'istituto di credito. Proprio in quest’ottica si inserisce il “Prestito obbligazionario solidale”, con cui il nostro istituto - continua la nota - riconosce annualmente, per tutta la durata del prodotto finanziario, un contributo pari al 15% dell’importo degli interessi corrisposto ai sottoscrittori del prestito.  Destinataria di questo contributo è la Caritas della Diocesi di Piacenza-Bobbio, che nei primi due anni di emissione del Prestito “obbligazionario solidale” ha ricevuto dalla Banca oltre ventiquattromila euro. 

Nei giorni scorsi, nella Sala Ricchetti della sede centrale, il condirettore generale dell’Istituto, Pietro Coppelli, ha consegnato al presidente della Fondazione Autonoma Caritas Diocesana, Giuseppe Chiodaroli, il contributo annuale ammontante ad oltre dodicimila euro.  Con questo prestito obbligazionario - che oltre a produrre un rendimento finanziario per i sottoscrittori, rappresentato dalla cedola periodica - la Banca incrementa quindi la propria attività solidaristica, che consente di supportare iniziative di interesse sociale come quelle realizzate dalla Caritas. «Di fronte alle quotidiane difficoltà che affrontiamo per svolgere al meglio i servizi che eroghiamo a sostegno delle tante famiglie bisognose - ha commentato Chiodaroli - questo importante contributo rappresenta un elemento di tranquillità, un segno della Provvidenza. La Banca di Piacenza con questo gesto compie un’autentica opera di solidarietà al territorio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento