rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
La mobilitazione

Dopo la strage bolognese otto ore di sciopero in tutti i settori

Cgil e Uil proclamano lo sciopero. Confermata la manifestazione al Monumento Caduti sul Lavoro alla Farnesiana

A seguito della strage sul lavoro nella centrale Enel Bargi nel bacino di Suviana nell’Appennino bolognese, Cgil e Uil hanno deciso lo sciopero generale in Emilia Romagna per la giornata di domani giovedì 11 aprile, di tutti i settori privati e pubblici, estendendo da 4 a 8 ore l’astensione dal lavoro. «Ogni giorno muoiono in media 3 persone, ogni mese succedono cose di questa natura con più morti, siamo un Paese con più di mille morti all'anno sul lavoro: c'è proprio un modello di fare impresa che non va bene e che va cambiato e le criticità che passano da appalti e subappalti vanno risolte immediatamente». Così, in una nota, le segreterie di Cgil e Uil di Piacenza spiegano l’allargamento della protesta che è stata estesa a tutta la giornata di giovedì 11 aprile e che riguarda tutti i settori, sia pubblici che privati. «Salute e sicurezza non possono essere considerate un costo, un orpello, devono diventare un vincolo senza il quale non si lavora». Zero morti sul lavoro, una riforma fiscale “che sia giusta” e un “nuovo modello sociale del fare impresa”. A Piacenza è previsto un presidio provinciale al quartiere Farnesiana, nel parchetto in cui trova sede il Monumento ai Caduti sul Lavoro, nell’omonima via, all’altezza del civico 27 dalle ore 14.30. Tutte le lavoratrici e i lavoratori sono invitati ad aderire e a partecipare alla mobilitazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo la strage bolognese otto ore di sciopero in tutti i settori

IlPiacenza è in caricamento