Edilizia scolastica, al Piacentino destinati 13milioni di euro

Altri 110 milioni di euro per quasi 300 nuovi interventi di riqualificazione, messa in sicurezza, adeguamento sismico degli istituti dell’Emilia Romagna e la costruzione di nuove scuole

Edilizia scolastica. Altri 110 milioni di euro per quasi 300 nuovi interventi di riqualificazione, messa in sicurezza, adeguamento sismico degli istituti dell’Emilia Romagna e la costruzione di nuove scuole. Il presidente Bonaccini: “Un ulteriore, straordinario investimento per avere edifici sempre più belli e sicuri e dare nuovo ossigeno al mondo del lavoro e delle imprese”. 

Quasi 110 milioni di euro per circa 300 nuovi interventi di riqualificazione, messa in sicurezza e adeguamento sismico delle scuole dell’Emilia-Romagna, oltre alla realizzazione di interventi straordinari di ampliamento, miglioramento e la costruzione di nuovi edifici scolastici, fino ai lavori su solai e controsoffitti laddove necessario. La Giunta regionale ha infatti deciso la ripartizione fra le Province a la Città metropolitana di Bologna di 94,2 milionidestinati all’Emilia Romagna dal ministero dell’Istruzione nell’ambito di un finanziamento complessivo di oltre 1 miliardo di euro per l’edilizia scolastica. In particolare, le linee di finanziamento sono due: 86,2 milioni per gli interventi di adeguamento, miglioramento sismico, ampliamento e nuove costruzioni di edifici scolastici; 8 milioni per gli interventi di messa in sicurezza resisi necessari a seguito delle indagini diagnostiche su solai e controsoffitti. Alle risorse messe a disposizione dal ministero si potrà aggiungere l’eventuale cofinanziamento degli enti proprietari delle scuole, cioè Comuni e Province. In totale, sono 233 gli interventi già previsti nei territori A questi vanno aggiunti 15,4 milioni derivanti dal nuovo mutuo Bei (Banca europea degli investimenti), per altri 62 interventi, perfezionato in questi giorni.

A Piacenza saranno destinati 13.229.275 milioni per 22 interventi. Ne beneficeranno la scuola primaria "A.Trovati" di Lugagnano (51.600 euro), la primaria "Martiri d'Ungheria" di Rustigazzo (124mila euro), la scuola elementare San Lazzaro (50mila euro), e la scuola media "Italo Calvino" (50mila euro).  Ad annunciarlo è stato il 29 dicembre nel consueto incontro di fine anno con i giornalisti, lo stesso presidente della Regione, Stefano Bonaccini. “Parliamo, grazie anche all’ottimo lavoro dell’assessore Patrizio Bianchi, di un ulteriore, straordinario investimento che, tra fondi Bei e del Governo, ci permetterà di avere su tutto il nostro territorio edifici sempre più belli e sicuri- ha sottolineato-. E al tempo stesso di dare nuovo ossigeno al mondo del lavoro e delle imprese, soprattutto quelle medio-piccole e del settore edilizio, che più di altri ha risentito della crisi. Non solo- ha aggiunto il presidente- perché nel 2018, grazie agli investimenti messi in campo, altre 1.000 scuole dell’Emilia-Romagna avranno la banda ultra larga. Perché, come abbiamo detto sin dall’inizio, l’obiettivo è far sì che entro il 2020 tutti i 331 comuni della nostra regione, e a maggior ragione tutti gli edifici scolastici, siano coperti da banda ultra larga. Anche da qui passa lo sviluppo del territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento