Energia pulita: Co2, a Cortemaggiore le prove di stoccaggio?

“A Cortemaggiore chiediamo la disponibilità di farci verificare lo stoccaggio. Tre anni di sperimentazione e poi tutto verrà smantellato”. Lo ha riferito ai cittadini Enrico Gingolani, presidente di Stogit - gruppo Eni. La società: non ci sono rischi. Il sindaco: “Vogliamo capire”

Cortemaggiore. Maroli, in piedi, illustra il progetto
Siti cercasi. Siti per stoccare l'anidride carbonica in depositi sotterranei con barriere protettive. A Cortemaggiore si è già riunita la prima assemblea pubblica, aperta alla cittadinanza, per discutere del progetto con la Stogit – società del gruppo Eni – che si occuperebbe dell'immagazzinamento del gas.  La Stogit è già titolare della concessione mineraria del giacimento di gas nei territori di Cortemaggiore e Besenzone.

“Il progetto di stoccaggio della Co2 ha una valenza ambientale importante – ha spiegato Enrico Cingolani, presidente e ad di Stogit - è la strada per iniettare l’anidride carbonica nei giacimenti esistenti ed esausti del sottosuolo. Altrimenti rimarrebbe nell’atmosfera. A Cortemaggiore chiediamo la disponibilità di farci verificare questa possibilità. Tre anni di sperimentazione (forse qualcosa meno) e poi tutto verrà smantellato”.

In pratica si tratterebbe di utilizzare il sottosuolo piacentino per depositare la Co2, un progetto leader in Italia. “La Co2 – ha spiegato il responsabile attività operative di Stogit, Renato Maroli –, dopo essere stata “catturata” e trasportata dalla centrale Enel di Brindisi, sarà iniettata a 1.500 metri di profondità, all’interno di una fascia porosa spessa circa 100 metri (che farà da “barriera” con la falda acquifera superficiale). Il volume poroso disponibile è di ben 16miliardi di metri cubi, ma saranno iniettate in giacimento solo 24mila tonnellate complessive di gas, il che vuol dire: lo 0,3 per cento dell’estensione spaziale disponibile”.

I cittadini sono stati rassicurati sul tema della sicurezza: nessun rischio in caso di fuoriuscita del gas che, a contatto con l'aria, si stratifica, finisce sul terreno e non costituisce pericolo. Nessun problema neanche sul fronte dell'inquinamento acustico: “La Co2 sarà pura, con caratteristiche che la equiparano a quella di impiego alimentare. Le pompe di iniezione – ha precisato Maroli – sono l’unica fonte di emissione rumorosa. Al di fuori della recinzione il livello di rumore sarà inferiore a quello prodotto dal traffico diurno di una strada provinciale (60 db)”.

Il sindaco di Cortemaggiore, presente all'incontro, ha detto: “Siamo qui perché vogliamo capire”. Poi, si è rivolto al suo consigliere di minoranza, Sergio Faverzani,  che lo aveva attaccato sulla partita-Co2: “Nessuno ha interessi”, ha ribadito pubblicamente il primo cittadino.

Qualcuno, nel teatro Duse di Cortemaggiore, ha sollevato l'obiezione: “Cortemaggiore ha già dato”. Ha risposto per Eni, Mario Marchionna: “Da 40anni Eni collabora con il territorio. Oggi vi offriamo il prestigio di un progetto unico in Italia”.

Poi, Stefano Consonni, presidente dell’ente terzo piacentino Leap, che riunisce Provincia, Comune, Politecnico e Fondazione di Piacenza e Vigevano, è andato a fondo delle ragioni del progetto: “Le rinnovabili sono in forte espansione - ha detto – ma il loro peso complessivo è ancora limitato. Nei prossimi anni il ruolo dei combustibili fossili scenderà dal 82% a poco più del 80%. E la cattura della Co2 è l’unica che consente di accoppiare il consumo di combustibile fossile con l’emissione di anidride carbonica, in attesa di sostituire le fonti tradizionali”.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento