menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Fedex Tnt, Si Cobas: «I lavoratori non pagheranno affitti, bollette e spese scolastiche»

Il sindacato: «Silenzio assordante delle istituzioni locali sulla vicenda, i lavoratori hanno quindi deciso collettivamente di non pagare servizi e spese, il Comune di Piacenza dovrebbe aiutarli»

«Prosegue da oltre una settimana la lotta dei lavoratori Fedex-Tnt di Piacenza, protagonisti nei giorni scorsi di scioperi e manifestazioni in tutti i principali siti del colosso multinazionale americano. La lotta prosegue purtroppo in mezzo al silenzio assordante delle istituzioni». Così il coordinamento provinciale S.I. Cobas di Piacenza interviene nella vicenda del sito logistico prossimo allo smantellamento. «Sono giorni drammatici – prosegue il sindacato - per il mondo del lavoro piacentino: anche le vicende “Air-Italy” e Whirlpool sembrano procedere verso un quadro di massicci tagli all’occupazione, delineando una volta di più un quadro allarmante per il post-covid. Fedex-Tnt ha fatto trapelare la voce di un possibile incontro, alla presenza anche del fornitore, come da impegni assunti davanti alla Prefettura di Piacenza, volto a trovare una soluzione per i lavoratori coinvolti dalla ristrutturazione».

«Ma mentre i giorni trascorrono, è sempre più concreta l’emergenza economica per le famiglie. I lavoratori hanno quindi deciso collettivamente di non pagare l’affitto, le bollette e le spese scolastiche per il prossimo mese, e chiedono al Comune di Piacenza di intervenire con aiuti e integrazioni al reddito a riguardo. Questi lavoratori per venticinque anni hanno contribuito alla fiscalità generale nella provincia di Piacenza, versando tasse e contributi per cifre da capogiro e in modo particolare dopo che le lotte del S.I. Cobas avevano permesso loro di fuoriuscire dalla condizione di lavoro nero».

«Ora si trovano di punto in bianco scaricati da un’azienda che li ha spremuti fino al midollo. Il S.I. Cobas rimane in questo momento l’unico sindacato impegnato in scioperi su tutto il territorio nazionale contro Fedex-TNT per chiedere la riapertura del sito di Piacenza, come verificabile dalla stampa nazionale. Ciò nonostante l’ingiusto attacco politico ai lavoratori da parte della multinazionale portato avanti in cooperazione con alcune forze politiche e sindacali da sempre assenti nello scenario della logistica piacentina ma che oggi tengono a voler mettere parola sulla situazione. Come ha sostenuto il vescovo Cevolotto, la situazione dei lavoratori Fedex-TNT richiede il massimo sforzo per prevenire un ulteriore aggravamento della crisi sociale in atto. Sottolineiamo a riguardo che il nostro sforzo non si esaurirà fino al raggiungimento dell’obiettivo, poiché solo con la lotta, e non con i comunicati stampa di talune forze politiche, si potrà risolvere il problema».

«La chiusura del sito piacentino – conclude il S.I. Cobas Piacenza - è stata ragionata con l’esplicito intento di attaccare i lavoratori più sindacalizzati e più onerosi come costo del lavoro, rimpiazzandoli con migliaia di lavoratori somministrati in tutta Italia con l’aiuto di alcuni “sindacati” che vorrebbero sorvolare su questo dato oggettivo vantando una manciata di internalizzazioni come contrappeso. Proprio per questo, non possiamo permettere lo sfondamento di questa visione del mercato del lavoro italiano che riporterebbe le lancette dell’orologio indietro di dieci anni, ai tempi dello sfruttamento più barbaro».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento