«Mercato immobiliare, vendite in aumento soprattutto per case nuove o da ristrutturare»

Dati confortanti quelli presentati da Fiaip durante l'osservatorio, con un aumento generale su tutto il territorio sia per il mercato immobiliare che per quello commerciale

Il responsabile dell'osservatorio Ivan Capra

Cresce il mercato immobiliare piacentino. Questo il dato confortante emerso durante la sesta edizione dell’Osservatorio immobiliare di Piacenza e provincia, presentato il 23 marzo dal vicepresidente di Fiaip Marco Gazzola e introdotto dal presidente provinciale Fabrizio Floriani.

Focus dell’incontro sono state le compravendite sull’intero territorio piacentino, cresciute del 5,8% in città e dell’8,7% in provincia, per un totale di 1336 e 3151 transazioni nel 2017. Dalle varie analisi portate in esame, è emerso come le zone maggiormente predilette dalla popolazione cittadina siano quelle del semicentro e della periferia, con un particolare occhio di riguardo alle soluzioni nuove o da ristrutturare, a discapito degli immobili in buono stato - risultati i più penalizzati dal sostanzioso calo dei prezzi post crisi.

«Il calo dei prezzi non è da considerare come un dato totalmente negativo, in quanto permette ai compratori di acquistare a prezzi agevolati e in maniera più rapida», spiega il responsabile dell’Osservatorio Ivan Capra.

Oltre al mercato immobiliare, un incremento è stato registrato anche per il mercato commerciale: dal 2012, infatti, la crescita è stata pari al 41,2% nell’ultimo biennio, con un totale di 96 transazioni. Inoltre, per la prima volta da anni si è registrato un aumento anche per quanto riguarda i permessi per costruire, con circa 55mila nuovi alloggi realizzati nel 2017 contro i 51mila dell’anno precedente.

Durante l'incontro hanno portato i loro saluti l’assessore Paolo Garetti, che ha sottolineato «l’importanza del buon mantenimento delle strutture esistenti per scongiurare il rischio sociale», la presidente del Collegio notarile Maria Rosaria Fiengo che ha ribadito come «l’aumento delle attività notarili nel 2017 abbia coinciso con la grande sinergia creatasi tra agenti immobiliari e notai», il presidente di Confindustria Alberto Rota con un dato di crescita delle industrie piacentine intorno al 7% e il vicepresidente di Abi, Corrado Sforza Fogliani, che ha ricordato come la Banca di Piacenza «abbia operato in controtendenza rispetto ai dati provinciali, aumentando gli impieghi nel 2017».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Irenfutura, 13 posizione aperte in Emilia per lavorare con Iren

Torna su
IlPiacenza è in caricamento