Filiera Agricola Italiana e Consorzio Casalasco del Pomodoro insieme con il marchio Fdai

Fdai è il marchio che promuove il patrimonio agroalimentare del territorio italiano basato sui principi di una filiera tracciata e sostenibile

Nasce da Filiera Agricola Italiana Spa, realtà che sostiene e promuove gli imprenditori agricoli italiani in Italia e nel mondo, in collaborazione con Consorzio Casalasco del Pomodoro, prima filiera italiana per la produzione e trasformazione di pomodoro da industria (già partner di Filiera Agricola insieme ad altri grandi nomi dell’agroalimentare Made In Italy), il nuovo marchio FDAI (Firmato dagli Agricoltori Italiani). Il marchio ha lo scopo di promuovere il patrimonio vero e autentico del territorio Italiano, prodotto dagli agricoltori, basato sui principi etici, trasparenti di una filiera tracciata e sostenibile. Per la prima volta, quindi, l’agricoltura e l’industria alimentare italiana d’eccellenza sono insieme per difendere, sostenere e valorizzare il made in Italy, attraverso i valori comuni dell’identità territoriale e nazionale, della trasparenza e sostenibilità, in una logica di consumo consapevole ma anche per favorire la conoscenza e la diffusione di pratiche alimentari basate sui principi della Dieta Mediterranea, attraverso la combinazione di tutti gli ingredienti utili a un’alimentazione sana, variata ed equilibrata. Il Marchio FDAI è attualmente già apposto su alcuni dei prodotti che Consorzio Casalasco del Pomodoro ha fornito ad alcune importanti catene di distribuzione ed è già utilizzato in diversi canali di distribuzione, oltre che da tutti quei produttori diretti che vogliono contraddistinguere il proprio prodotto con i valori sopracitati. Filiera Agricola Italiana spa è una realtà che appartiene a Coldiretti e che sviluppa progetti di marketing e commerciali basati sui “valori agricoli” garantiti e sostenuti dal marchio Firmato Dagli Agricoltori Italiani (FDAI).  Consorzio Casalasco del Pomodoro rappresenta la prima filiera italiana per la coltivazione e trasformazione di pomodoro da industria. Con un fatturato di 240 milioni di euro, oggi conta 370 aziende agricole associate che coltivano 7.000 ettari di terreno localizzati tra le province di Piacenza, Cremona, Parma e Mantova. Le oltre 560.000 tonnellate di pomodoro fresco vengono processate nei tre stabilimenti della cooperativa e trasformate in prodotti distribuiti in circa 60 paesi al mondo grazie all’attività di co-packing e ai marchi di proprietà Pomì e De Rica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento