Finanziaria, De Micheli (Pd): "Meno soldi per famiglia ed edilizia"

La parlamentare De Micheli parla degli effetti della Finanziaria: "Viene meno l'incentivo fiscale all'innovazione edilizia"

"Devastanti" effetti per il mondo dell'edilizia, per i bilanci dei Comuni e per i fondi alle famiglie. E' un quadro non troppo roseo quello che traccia Paola De Micheli, parlamentare piacentina del Pd che ha descritto nel pomeriggio - nella sede dei Democratici di viale Risorgimento - le ricadute "piacentine" della legge di stabilità, la Finanziaria. Anche se, sottolinea l'onorevole, "risultati positivi sono stati portati a casa".

EDILIZIA IN GINOCCHIO - Il settore più colpito sarà "l'edilizia". "Viene meno - spiega De Micheli - l'incentivo fiscale all'innovazione edilizia del 55%, che non è stato riconfermato. Questo è un grosso colpo per un campo di strategica importanza a Piacenza, dopo la meccanica, che ha visto nel primo semestre del 2010 un calo del 20% di fatturato". Meno contributi - dieci fondi sono stati penalizzati - per la famiglia: gli stanziamenti nazionali passano da 2,5 miliardi di euro a 349 milioni. E vengono confermati, continua la parlamentare piacentina, "i tagli ai Comuni e agli enti locali, nonostante qualcuno avesse voluto far passare un'idea diversa".

I "RISULTATI" - De Micheli, tuttavia, segnala anche risultati positivi. Sono stati rifinanziati, "grazie all'apporto sinergico di Pd e Fli", i fondi per l'università - "Sia la Cattolica che il Politecnico vedranno confermati i contributi per il 2011" -, ed è passato l'emendamento De Micheli-Marchi per l'agevolazione ai Comuni con difficoltà al Patto di stabilità (qui la proposta per Gossolengo). Mantenuti anche i contributi all'editoria, e di questi finanziamento beneficeranno anche alcuni media piacentini (non internet).  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"SERVE PACIFICAZIONE NEL PAESE" - La parlamentare piacentina, cogliendo gli spunti dei giornalisti sulla crisi di governo e la sconfitta del candidato democratico alle Primarie per Milano, sottolinea come il Pd "possa imparare dalla batosta milanese". "Serve, comunque le cose si metteranno - spiega -, un governo d'alto profilo, e la segreteria nazionale del Pd sta lavorando per questo. Ci sarebbe bisogno di pacificazione, un nuovo esecutivo animato da contrapposizione radicale non avrebbe senso. L'importante è che il Pd rimanga sempre dalla parte dell'innovazione e non della conservazione, puntando al rinnovo del mercato del lavoro e alle riforme economiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento