Confindustria

«Le macchine continueranno ad evolvere, ma senza collaboratori capaci e formati non potranno funzionare»

Inaugurata la nuova sede di Forpin e Assoservizi destinata alla formazione

«Scordiamoci le prospettive negative riguardo l’automazione che tenevano banco una decina di anni fa. Oggi il tema non è più la disoccupazione tecnologica, ma la mancanza di figure occupabili. Sempre più competenti, specifiche e difficili di sostituire. Le macchine continueranno ad evolvere, ma senza collaboratori capaci e formati non potranno funzionare. Donne e uomini saranno ancora al centro delle nostre imprese, e saranno sempre più ricercati». Francesco Rolleri, presidente di Confindustria Piacenza, desiderava da tanto festeggiare l’ingresso nella nuova sede di Assoservizi e Forpin in strada della Bosella 14-16, che è stata inaugurata ufficialmente nel pomeriggio del 19 ottobre alla presenza di tutte le autorità. Per farlo, è stato realizzato un evento importante e suggestivo, «che sottolineasse - ha detto Rolleri - la centralità che le risorse umane e i talenti locali hanno per Confindustria Piacenza».

«Le risorse umane - ha sottolineato il presidente - sono uno dei temi sui cui abbiamo voluto investire nel corso del mio mandato come presidente. Lo abbiamo fatto perché assicurare il futuro delle aziende piacentine è un nostro dovere, e prima affronteremo il tema e meglio sarà. Nei prossimi decenni reperire le figure di cui si avrà bisogno sarà sempre più complesso: le attuali proiezioni parlano di oltre 30mila persone in meno in età da lavoro nell’arco del prossimo decennio». 

«La questione è prioritaria su più livelli - ha aggiunto - Uno sociale, perché chiaramente la composizione della nostra popolazione continuerà ad evolvere, ma anche economico, perché le nostre imprese continueranno ad avere necessità di personale, sia per un ricambio naturale sia per eventuali progetti di crescita».

«Con questa nuova sede e l’evento di oggi affrontiamo il problema demografico dal punto di vista delle imprese: come attirare i talenti del nostro territorio e delle province limitrofe. Dare loro l’occasione di realizzarsi nelle nostre aziende e sapere come valorizzarli al meglio, creando quelle condizioni di contesto che consentono di creare un clima favorevole dove ognuno possa dare il meglio di sé». Prima del taglio del nastro all'ingresso del palazzo, ha preso la parola anche Giuseppe Gallinari, presidente di Forpin Piacenza, l'azienda formativa di Confindustria.

«Le persone sono il nostro mestiere - ha sottolineato Gallinari - Il Consorzio Forpin nei suoi oltre trent’anni di vita ha lavorato quotidianamente per formare e supportare la crescita dei collaboratori delle aziende locali. Nella sua storia Forpin ha visto passare nelle sue aule migliaia e migliaia di ragazzi e ragazze, lavoratori e cercatori di lavoro, aiutandoli a trovare il proprio posto nel tessuto economico del territorio. Oggi insieme ad Assoservizi costituiamo due realtà affermate, che da oggi si trovano sotto un unico tetto, unendo le forze e diventando un polo di riferimento per la gestione delle risorse umane».

«La nuova casa delle risorse umane, con i suoi ampi spazi e aule attrezzate con le tecnologie più all’avanguardia, ci permette di pensare in grande. È la dimostrazione concreta alle aziende di quale sia la nostra mission per il futuro: essere al loro fianco offrendo loro quanto di meglio ci possa essere per aiutarli nel loro sviluppo e nella loro crescita».

«È stato confortante - ha concluso Gallinari - verificare quanto tutta la squadra di Forpin, Assoservizi e Confindustria condivida lo stesso obiettivo: evidenziare l’importanza dei propri collaboratori e sviluppare la cultura della gestione del personale all’interno delle aziende piacentine. Sono le persone che garantiscono la continuità e forniscono idee. Diamo loro spazio, facciamoci trovare dai talenti e teniamoceli stretti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Le macchine continueranno ad evolvere, ma senza collaboratori capaci e formati non potranno funzionare»
IlPiacenza è in caricamento