Foti: «In Emilia Romagna il 69% delle aziende artigiane esposte a concorrenza sleale»

Lo rileva Tommaso Foti (Fdi-An) in una interrogazione presentata alla Giunta per sapere quali iniziative la Regione abbia assunto o intenda assumere "per contrastare efficacemente il sommerso, vera e propria forma di concorrenza sleale"

Tommaso Foti

“Secondo un recente studio di Confartigianato, in Italia sono 6.897.000 le persone che acquistano beni e servizi che contengono lavoro irregolare, con una spesa del 75,5% superiore alla media Ue". Ancora: nell’arco di un triennio "l’economia sommersa e illegale è cresciuta del 2,4% mentre l’economia regolare è scesa del 2,4%". Per dare un un’idea delle dimensioni del fenomeno "basta pensare che le attività illegali generano un valore aggiunto pari a 16.548 milioni di euro, superiore all’intero settore della produzione di mezzi di trasporto”. Per quanto riguarda poi l'Emilia-Romagna, "in regione  il 69% delle aziende artigiane è esposto alla concorrenza sleale del sommerso". Lo rileva Tommaso Foti (Fdi-An) in una interrogazione presentata alla Giunta per sapere quali iniziative la Regione - nell'ambito delle proprie specifiche competenze - abbia assunto o intenda assumere "per contrastare efficacemente il sommerso, vera e propria forma di concorrenza sleale che non solo altera le regole del mercato, ma inopinatamente danneggia coloro che legalmente operano”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento