Frutta, segnali di ripresa nel nostro territorio e svolta nei consumi

Aumenta la produzione di frutta della provincia di Piacenza che nel 2015 ha segnato un +2 per cento nel numero di ettari coltivati rispetto al 2013

Aumenta la produzione di frutta della provincia di Piacenza che nel 2015 ha segnato un  +2 per cento nel numero di ettari coltivati rispetto al 2013. Ad annunciarlo è Coldiretti Piacenza sulla base di un’elaborazione dei dati presentata in occasione del Macfrut, la rassegna internazionale dell’ortofrutta di Rimini. Protagoniste della rassegna ortofrutticola, nello stand Coldiretti (Padiglione D1 – stand 144) le aziende piacentine Eridano, dedicata alla produzione vivaistica di piantine orticole, e Arp con il Consorzio Casalasco del pomodoro. “Nel 2015 rispetto al 2013, afferma Giovanni Morini, responsabile economico di Coldiretti Piacenza, sono tornati a crescere gli ettari di melone (+14%), di melo e pero (+5%), ma anche di susino con un vero boom (+32%). Il ciliegio, rimane costante mentre calano anguria, albicocco, pesco e uva da tavola.”

“A sostenere la produzione, prosegue l’esperto, è la svolta sulle tavole degli italiani sul fronte dei consumi di frutta e verdura che, da un’analisi della Coldiretti, risultano aver raggiunto il massimo dell’ultimo quadriennio per effetto di un aumento progressivo annuale medio di 3 chili di frutta e verdura per persona: il risultato è che proprio questa voce di spesa è diventata la prima del budget alimentare delle famiglie. ”Un cambiamento spinto soprattutto dalle preferenze alimentari dei giovani che fanno sempre più attenzione al benessere a tavola come dimostra il fatto che il 37% dei cosiddetti “millennials”, giovani nati dopo il 1980, è intenzionato a spendere di più per gli acquisti di ortofrutta secondo lo studio presentato all’incontro della Coldiretti dal professor Felice Adinolfi, docente di Economia e Politica Agraria all’Università di Bologna. I comportamenti di consumo alimentare – rileva lo studio – privilegiano l’origine, la salubrità e l’innovazione in termini di servizi che accompagnano il prodotto. In particolare l’origine risulta il criterio di scelta prioritario per il 53 per cento dei consumatori italiani e il 34 per cento dei consumatori europei mentre, nonostante le difficoltà economiche,  i numeri dei consumatori italiani che scelgono in base al prezzo basso si fermano al 32%.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento