rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Economia

Grande interesse per il seminario di Confagricoltura sul bando Psr per gli investimenti in azienda

Oltre 80 i partecipanti all’iniziativa on line che ha fatto il punto su questo e altri bandi aperti

Si è tenuto sulla piattaforma Zoom, alcuni giorni fa, il seminario tecnico rivolto agli associati di Confagricoltura Piacenza e relativo all’Operazione 4.1.01 del Psr - Investimenti in aziende agricole in approccio individuale e di sistema. A fare il punto, su questa che è una delle misure più attese dalle imprese agricole, sono state Susanna Franzini, responsabile dei Sevizi Tecnici dell’associazione e Roberta Bettuzzi responsabile dell’Ufficio Sviluppo.

Con un finanziamento di 58,5 milioni euro, il bando è rivolto alle imprese agricole e sostiene progetti di sviluppo delle produzioni, a partire dai sistemi di agricoltura di precisione, meccanizzazione, riduzione dell’impatto ambientale e sostenibilità energetica, risparmi idrici, ecosostenibilità in allevamenti e coltivazioni. Previsti anche lavori su impianti di irrigazione, creazione di invasi aziendali, interventi per il benessere animale e biosicurezza. I contributi sosterranno gli investimenti delle imprese al 45% della spesa ammissibile, se condotte da giovani agricoltori o in zone svantaggiate, e al 35% negli altri casi. La spesa minima ammissibile è 10 mila euro nelle zone con vincoli naturali o svantaggiate e 20 mila nel resto della regione. Tra i fattori di priorità: le aziende in zone svantaggiate o montane, i giovani agricoltori, gli investimenti dedicati a produzioni integrate, al settore biologico o a prodotti a qualità regolamentata, i piani di impresa tendenti al consumo zero di suolo. Premiata anche la valenza ambientale e la prevenzione di danni da eventi calamitosi o avversità atmosferiche: reti antigrandine, reti antinsetto, ventilatori/bruciatori antigelate. Gli oltre 80 partecipanti hanno seguito con interesse i dettagli illustrati. «Le domande possono essere presentate entro il 23 giugno 2022 - ha sottolineato Bettuzzi - il bando ricalca in buona parte le edizioni passate, ma con alcune importanti novità che è bene avere a mente. Fondamentale - ha rimarcato - è la corretta dicitura nelle fatture d’acquisto».

«Gli uffici sono a disposizione - ha precisato Franzini -  per evitare di incorrere in errori o perdere occasioni, è bene mantenere uno stretto collegamento informando su ogni variazione. A fronte delle diverse possibilità fornite dai bandi e dai canali di finanziamento vanno studiate soluzioni adatte ad ogni specifica situazione aziendale, per fare ciò - ha concluso - è necessario uno stretto raccordo tra impresa e uffici tecnici. Non esitate a contattarci».

Con l’occasione è stato fatto un cenno anche ad altri due bandi aperti: l’operazione 4.2.01 - Investimenti rivolti ad imprese agroindustriali in approccio individuale e di sistema - per la quale è possibile fare domanda sino alle ore 13 del 1° luglio 2022 sulla piattaforma on line di Agrea – e il bando relativo ai sistemi antifurto/antintrusione, atteso per i primi di aprile.

Il bando per il tipo di operazione 4.2.01 - Investimenti rivolti ad imprese agroindustriali in approccio individuale e di sistema, con risorse per oltre 59,2 milioni di euro, è rivolto alle imprese agroindustriali di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli. Saranno finanziati progetti per tecnologie innovative che favoriscano nuove opportunità di mercato; interventi di tutela ambientale e sicurezza sul lavoro; per raggiungere una maggiore efficienza energetica e sicurezza alimentare. L’intensità dell’aiuto è fissata al 35% calcolato sul totale della spesa ammissibile. Gli investimenti dovranno avere una dimensione finanziaria minima 100 mila euro e massima 2,8 milioni. Per il settore vitivinicolo l’importo minimo della spesa ammissibile è di 800 mila euro. Per gli investimenti in regime de minimis la spesa massima ammessa è 300 mila euro. Tra le priorità premiate: maggiori garanzie oggettive di positiva ricaduta dei benefici dell’investimento sui produttori agricoli, le garanzie ambientali, le certificazioni Dop, Igp e Stg delle produzioni, i vantaggi occupazionali nell’azienda, l’innovazione tecnologica. In conclusione è intervenuto il presidente Filippo Gasparini che ha rimarcato come l’Associazione sia chiamata ad azioni sindacali chiare per contrastare un impalcato di norme e un sistema di valori che non riconoscono la centralità dell’azienda agricola, la imbrigliano con vincoli che ledono la produttività e che non sono supportati da indicazioni scientifiche, ma ideologiche. Parimenti - ha ricordato il presidente degli imprenditori agricoli - gli Uffici di Confagricoltura sono impegnati a supportare tecnicamente le aziende a cogliere le possibilità di sviluppo e le opportunità che i bandi contengono e che sono anche funzionali a rispettare le norme, che se sbagliate vanno contestate, ma fintanto che sono in vigore non vanno trasgredite.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande interesse per il seminario di Confagricoltura sul bando Psr per gli investimenti in azienda

IlPiacenza è in caricamento