rotate-mobile
La vicenda / Monticelli d'Ongina

«Il 22 aprile il magazzino dismette e i lavoratori non hanno certezze»

Logistica, sciopero in corso alla Sda di Monticelli. Fit Cisl e Filt Cgil: «Vogliamo risposte certe sul trasferimento»

La dismissione del loro posto di lavoro inizierà tra meno di due settimane, ma di risposte certe sul loro futuro nemmeno l’ombra. L’azienda rinvia la riunione con i rappresentanti dei lavoratori e oggi è scattato lo sciopero all’hub di smistamento di Sda di Monticelli che occupa in totale circa 200 tra dipendenti diretti, in appalto e personale in somministrazione. Presidio di fronte ai cancelli per la mobilitazione organizzata da Fit Cisl e Filt Cgil di Piacenza, con i segretari generali Salvatore Buono e Massimo Tarenchi, presenti sul posto.

«Il magazzino inizierà le operazioni di dismissione il 22 aprile, entro fine maggio è prevista la chiusura e lo spostamento del lavoro in un nuovo magazzino a Castelsangiovanni – spiegano Filt e Fit – da mesi è avviata una trattativa per capire le condizioni dello spostamento, ma l’azienda ha comunicato lo slittamento dell’ultimo incontro, così dopo un’assemblea fatta giovedì notte, oggi (venerdì, ndr) siamo in sciopero».

Il lavoro in questo magazzino si sviluppa soprattutto dal tardo pomeriggio e la notte. Questo, infatti, e un punto centrale della distribuzione di Sda anche per le merci che devono arrivare al Sud. «Quello che l’azienda ha rimandato e calendarizzato per il 9 aprile – proseguono Cgil e Cisl – era l’incontro decisivo per dare risposte certe a chi offre il suo servizio qui da anni, e che ora si vedrà la vita sconvolta dal trasferimento. Consideriamo – aggiungono – che la maggior parte delle persone che lavorano qui sono residenti nella Bassa e nella provincia di Cremona e che addirittura i dipendenti diretti non sono ancora stati formalmente avvisati della chiusura del magazzino in cui stanno lavorando, a differenza di chi lavora in appalto con Elpa. Andare a lavorare dall’altra parte della provincia è un bel disagio, e quello che vogliono le persone qui sono risposte certe. Al momento non ce ne sono».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Il 22 aprile il magazzino dismette e i lavoratori non hanno certezze»

IlPiacenza è in caricamento