Il collegio Morigi-De Casaris ospita attualmente 97 persone

Presentato il bilancio di previsione del 2018 e il piano programmatico per il prossimo triennio 2018–2020 del Collegio “Morigi–De Cesaris”

L’ASP Collegio Morigi–De Cesaris è un’azienda di servizi alla persona costituita il 1 settembre 2008 dalla fusione di due storiche realtà piacentine, l’Opera Pia Collegio Maschile Morigi e la Fondazione De Cesaris–Nicelli–Cella–Ceruti. L’attività è incentrata nella gestione del collegio, nell’erogazione di borse di studio a favore di studenti delle scuole medie di primo e secondo grado e  nel coordinamento del progetto di “Vicinato solidale”. Il bilancio di previsione del 2018 e il piano programmatico per il prossimo triennio 2018–2020 del Collegio “Morigi–De Cesaris” sono improntati all’affermazione dell’Asp nel sistema universitario piacentino quale soggetto che eroga servizi alla persona (accoglienza, formazione, ecc.) e come locale soggetto di riferimento nei rapporti con la Regione Emilia Romagna per il diritto allo studio universitario. «Il bilancio del 2018 – si legge nella relazione depositata nell’albo pretorio del Comune di Piacenza - presenta idonea previsione delle entrate da rette di alloggio, al netto dell’Iva, e delle entrate da canoni locativi. Investimenti sono previsti per il miglioramento dei servizi agli ospiti e all’utenza universitaria cittadina. Per il fabbricato sede sono previsti idonei stanziamenti per il restauro del soffitto a cassettoni, per la realizzazione dell’impianto di videosorveglianza, per l’installazione di un cancello di accesso al parcheggio e la manutenzione del manto di asfalto del cortile adibito a parcheggio».

Tra i principali impegni dell'Asp nel corso del prossimo triennio vi è innanzitutto quello di mantenere e consolidare i servizi attuali ossia la gestione del Collegio che attualmente ospita 97 convittori così suddivisi: 40 studenti del Politecnico di Milano (in convenzione); 40 studenti universitari in servizio di foresteria; 6 studenti delle scuole medie superiori; 5 ospiti in servizio di foresteria nella palazzina di Via Taverna n. 43; 2 tutor; 2 studenti convenzionati Er.go; 2 ospiti convenzionati Polipiacenza. 

«L'Asp – si legge nel documento - risponde inoltre alle domande di servizi e prestazioni provenienti dalla propria comunità e/o sui quali fosse richiesto il suo intervento da parte dei Soci dell’Assemblea mettendo a disposizione la propria esperienza e le proprie risorse. Le linee di indirizzo e gli obiettivi strategici che orienteranno la gestione e nei prossimi tre anni si basano su alcuni fondamentali presupposti. Nel breve-medio periodo l'Asp è chiamata ad assolvere nuovi compiti e ad assumere nuove ed ulteriori responsabilità nell’ambito della crescita di Piacenza città universitaria. Per poter mettere a disposizione del sistema, ed in particolare degli studenti universitari, la sua esperienza e le sue competenze nella gestione di nuovi ed innovativi servizi, l'Azienda deve poter disporre di risorse da investire nella progettazione e nella successiva gestione di tali servizi. In particolare, l'obiettivo dello sviluppo di nuovi servizi non può essere perseguito se contemporaneamente all'ASP non vengono fornite ulteriori risorse che verranno successivamente quantificate in base al progetto che verrà redatto e che verrà sottoposto alla valutazione dei soci». L’Asp conta di avere i seguenti ricavi nel triennio: nel 2018 299mila euro, nel 2019 309mila euro e nel 2020 309mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento