Il Consorzio La Carne che Piace riporta in tavola la tradizione del bollito

Presentata l'iniziativa "Al dè d'al less": ​far conoscere ai piacentini l'elevata qualità e sicurezza della carne del Consorzio, spiegare agli studenti la filiera piacentina, illustrare la possibilità di avere pacchi di carne "su misura", con tanto di ricette piacentine, e consegnati a casa e riscoprire la tradizione piacentina del bollito

Il consorzio

​Far conoscere ai piacentini l’elevata qualità e sicurezza della carne del Consorzio La Carne che Piace, spiegare agli studenti la filiera piacentina, illustrare la possibilità di avere pacchi di carne “su misura”, con tanto di ricette piacentine, e consegnati a casa, riscoprire la tradizione piacentina del bollito con una grande cena che si terrà il 5 dicembre al Campus agroalimentare.

Sono i temi trattati nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa “al dè d’al less”, che si svolgerà il 5 dicembre al Campus lungo la via Agazzana. A spiegare la giornata sono stati il presidende Campus, Teresa Andena, il vice preside Roberto Belli e il presidente del Consorzio, Giampaolo Maloberti. Andena ha sottolineato che «ormai nel settore alberghiero e della ristorazione si guarda alla filiera lunghe, cioè a partire dalle materie prime e non solo più al prodotto finito. L’iniziativa dà la possibilità di vedere l’intera filiera della carne. Il bollito, poi, recupera la tradizione culinaria e agricola del territorio, riporta alla memoria l’infanzia, il piatto della domenica attorno al quale si riuniva la famiglia». Maloberti ha ricordato come il Consorzio (soprattutto carni bovine e suine) stia crescendo e dai 20 soci iniziali si sia passati a 30.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«I nostri segni distintivi - ha affermato - sono la qualità e la sicurezza, ottenuti attraverso una filiera fatta di allevatori, macellatori, macellai e veterinari. Il Consorzio è qualificato dall’alimentazione con semi di lino nella fase finale di vita dell’animale, dalla sospensione ulteriore del 20%, oltre a quella per legge, dei farmaci e dalla frollatura che va da un minimo di 10 giorni per le parti anteriori ai 20 di quelle posteriori». Il 5 dicembre, la giornata prevede al mattino, alle 10, l’incontro degli studenti dell’istituto agrario e dell’alberghiero con allevatori, veterinari, con un macellaio che sezionerà dal vivo un quarto anteriore e con un cuoco che darà consigli sul modo di cucinare al meglio la carne. Nel pomeriggio, alle 18.30,stesso programma e il seminario sarà aperto al pubblico. In programma anche l’intervento del nutrizionista Carlo Rossi Sgrifo, docente all’università di Milano. AncoraAlle 20, infine, è in programma la cena che prevede nell’ordine: il bollito, il brodo di terza e il dolce. Tutto accompagnato dai vini piacentini. E’ già allo studio una replica dell’iniziativa, considerato l’enorme successo riscosso. Entro dicembre, il Consorzio avvierà la vendita di pacchi di carne, consegnati a domicilio, che conterranno i principali tagli di carne bovina e suina, ma che il consumatore potrà ordinare a suo piacimento. Il pacco, si sta pensando a due tipologie, conterrà anche un volumetto con le 5 ricette nostrane tradizionali per cucinare la carne. Il veterinario Valter Cabrini si è soffermato sul benessere animale, sulla frollatura e sull’alimentazione con i semi di lino. «La carne - ha detto - contiene colesterolo, ma l’aggiunta dei semi di lino apporta gli Omega 3, che tendono ad abbattere il colesterolo». In sala anche gli allevatori Carlo Casonato, Fabrizio Michelotti, Celso Sartori e il macellaio Daniel Dadomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento