Economia

Il Festival della Cultura tecnica si diffonde in tutta la regione

Giunto alla quinta edizione nell’area metropolitana bolognese, il Festival della Cultura tecnica “esporta” il proprio modello in tutta la regione Emilia-Romagna. A partire da giovedì 18 ottobre, quasi 250 appuntamenti in programma e 8 province coinvolte: Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia e Rimini. A Bologna, saranno oltre 100 gli appuntamenti in programma

Il Festival della Cultura tecnica nasce nel 2014 a Bologna nell’ambito del Piano Strategico Metropolitano per promuovere e valorizzare la cultura tecnico-scientifica come strumento di crescita e rinnovamento culturale, sociale ed economico. Alla rassegna 2018, la quinta per il territorio metropolitano bolognese, promossa da Comune di Bologna e Città metropolitana di Bologna, si affiancano 8 nuove edizioni del Festival, in programma su tutto il territorio regionale.

A presentare l’edizione piacentina, questa mattina, in Provincia, la Vice Presidente della Provincia Patrizia Calza con l’assessore del Comune di Piacenza Erika Opizzi, il dirigente dell'Ufficio scolastico regionale di Piacenza, Dott. Maurizio Bocedi e la dirigente della Provincia di Piacenza dott.ssa Annamaria Olati. Il progetto di diffusione è promosso da Regione Emilia-Romagna, Città metropolitana di Bologna e ASTER in collaborazione con le province di Ferrara, Forlì-Cesena, Modena, Parma, Piacenza, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini e con numerosi altri partner territoriali.

I neonati Festival provinciali - con oltre 250 iniziative, in programma dal 18 ottobre al 17 dicembre – sono rivolti a studenti, famiglie, cittadini, imprese e istituzioni. Le iniziative si configurano come occasione per porre una rinnovata attenzione al rapporto tra cultura tecnico-scientifica ed educazione, tra sviluppo sociale e sviluppo economico, tra sapere e saper fare. Il Festival nel suo complesso intende far conoscere le opportunità formative in ambito tecnico in Emilia-Romagna, in larga parte cofinanziate dal Fondo sociale europeo.

I calendari di ciascuna edizione sono stati definiti secondo una logica volta a favorire varietà e pluralità degli appuntamenti, a livello di soggetti promotori, contenuti, tipologia di evento, approccio metodologico e profilo dei destinatari. Come requisiti minimi per l’inserimento in palinsesto sono stati adottati quelli già previsti per l’esperienza metropolitana bolognese, cioè la coerenza tematica, la gratuità e l’assenza di fini commerciali.

La prima edizione del Festival della Cultura tecnica di Piacenza si rivolge a studenti, famiglie, cittadini, imprese e istituzioni con un calendario di 43 iniziative, in programma dal 18 ottobre al 17 dicembre, utili a valorizzare i percorsi scolastici, formativi e professionali in ambito tecnico-scientifico e, più in generale, dare spazio all’arte del saper fare e alle connessioni virtuose tra il fare e il pensare. E’ stato presentato inoltre, l’evento “Tecnica in Movimento”, previsto all’interno del Festival della Cultura, realizzato dalla Provincia di Piacenza in collaborazione con il Comune di Piacenza e l’Ufficio scolastico IX  -  Ambito territoriale di Parma e Piacenza, che si terrà nei giorni 19 e 20 ottobre, a Palazzo Gotico. Due giornate per un viaggio istruttivo e divertente nel mondo della tecnica e della scienza. Ai desk le scuole secondarie di secondo grado del territorio piacentino, i centri di formazione professionale che mostreranno al pubblico i loro progetti e le loro invenzioni. Dimostrazioni, giochi, esperimenti che permetteranno di comprendere come tecnica e scienza possano contribuire alla coesione e all’integrazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Festival della Cultura tecnica si diffonde in tutta la regione

IlPiacenza è in caricamento