«Il futuro alimentare del pianeta? Dovrà essere quello di un’agricoltura sostenibile e conservativa»

Il futuro alimentare del pianeta? Dovrà essere quello di un’agricoltura sostenibile e conservativa, con un aumento delle rese produttive con la medesima e attuale estensione di terre coltivate, basata su ricerca e sviluppo delle varietà e della tecnologia, incentivando in molti territori (compresi quelli di montagna) l’agricoltura familiare e locale, assai diversificata e che deve armonicamente convivere con altre attività produttive.

Un obiettivo complesso, articolato, su cui tutti, nessuno escluso, si devono impegnare e che è stato affrontato nel convegno “Nutrire il futuro, le prospettive a lungo termine dell’alimentazione” che si è svolto presso la Sala del Consiglio comunale di Piacenza, un seminario indetto in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione che si svolge domenica 16 ottobre.

Dopo il saluto del sindaco di Piacenza Paolo Dosi, con il coordinamento del prof. Paolo Rizzi docente di Economia e Direttore del Laboratorio di Economia Locale dell'Università Cattolica di Piacenza (presenti il vicesindaco Francesco Timpano e l’assessore Giulia Piroli), ha preso la parola Ivana Borsotto, vice presidente di MLAL ProgettoMondo, organizzazione non governativa (Ong) di volontariato nazionale e internazionale. Costituito nel 1966, con sede a Verona, promuove e sostiene l’impegno dei volontari in America Latina e Africa, stimola e rafforza il volontariato sul territorio. L’Amazzonia e i popoli indigeni, le megalopoli e le favelas, le riforme agrarie e l’autosufficienza alimentare, l’infanzia lavoratrice e di strada, i diritti umani più elementari sono i temi e i luoghi dell’attività del Mlal ProgettoMondo.  “Come ogni organismo che fa cooperazione, sa che la sicurezza e la sovranità alimentare sono elementi fondamentali dello sviluppo e della giustizia sociale. Attività e progetti che sono poi l’espressione della nostra personale assunzione di responsabilità e della convinzione che i risultati del nostro lavoro sono moltiplicati e resi più efficaci se frutto di un lavoro condiviso”.

E’ seguita la relazione dell’esperto della FAO Lorenzo Bellù. Ha prima di tutto ricordato che nel 2050 la popolazione potrebbe essere 2,5 miliardi in più rispetto al 2010 (+38%), con tassi di crescita maggiori nei paesi a più basso reddito che, pro capite, potrebbe raddoppiare nei paesi a più alto reddito e triplicare in Asia ed Africa, ma con il mantenimento di ampie sacche di denutrizione.

“Le sfide: ridurre le disuguaglianze, soddisfare il bisogno di cibo in modo sostenibile, mitigare i cambiamenti climatici. Oggi l’urgenza è aumentare il potere di acquisto. Nei paesi emergenti ci sono sperequazioni troppo elevate e non si garantisce a  molti l’accesso ai beni. Entro il 2050 la produzione agricola deve aumentare del 50%, soprattutto nei paesi poveri dove fertilità ed acqua sono più scarse. E’ necessario un aumento delle rese con la medesima estensione di superficie, incentivando ricerca e sviluppo delle varietà e la tecnologia, con investimenti agricoli responsabili, riducendo perdite e sprechi, educando consumatori ad una dieta sostenibile. Per i cambiamenti climatici è necessario agire sui settori che emettono gas ad effetto serra, soprattutto le energie fossili”.

“La sicurezza alimentare- ha precisato il prof. Paolo Sckokai della Cattolica di Piacenza, è un problema non solo dei paesi in via di sviluppo ed in Italia ci sono 4,6 milioni di persone povere. Le politiche alimentari sono commisurate alle esigenze di altri portatori di interesse come agricoltori e trasformatori; sanità e qualità degli alimenti possono richiedere prezzi mediamente più elevati. Ma c’è anche il 36% della popolazione in sovrappeso, il 10 % obesa, compresi i bambini. La ricerca può incidere notevolmente con l’agricoltura conservativa, mentre le politiche possono offrire un importante sviluppo per stimolare una alimentazione più salutare (con informazioni ed interventi sui mercati) e possono intervenire sul rapporto tra agricoltura ed ambiente (imponendo standard ambientali e la tassazione di prodotti a forte emissione di CO2 (allevamento)”.

“Chi si occupa di sviluppo- ha ribadito Rizzi- deve sempre pensare in termini di interdipendenza globale. Pensare cioè globalmente per agire localmente. Per lo sviluppo e la centralità del locale è bene considerare nuove forme di agricoltura di comunità e sostenibile che va benissimo anche per le nostre di montagna con nuovi modelli di sviluppo. Davanti a noi la sfida delle disuguaglianze, perché è aumentata di molto la concentrazione del reddito che coinvolge anche il locale”.

Aurelio Danna cooperante della ONG ProgettoMondo MLal che opera da più di 30 anni in Brasile e Bolivia ha trattato delle esperienze e dei risultati conseguiti presso quelle popolazioni.

ProgettoMondo Mlal ha lavorato per più di tre anni in 3 distinte regioni della Bolivia per dare più forza all’agricoltura e ai prodotti locali, per valorizzare la biodiversità e combattere la malnutrizione, così da costruire una nuova sicurezza alimentare che guardi anche alla sovranità del Paese. Perché i cereali, oggi in buona parte importati, tornino a essere opportunità di crescita fisica ed economica per le comunità locali.

Perché ogni prodotto, dal raccolto fino alla sua commercializzazione, possa avere un ciclo di lavorazione e di trasformazione corretto e giusto, nel Paese. Le pesche saranno sì innanzitutto frutta fresca, ma anche marmellate, dolci e bevanda sulle tavole locali; le lane di lama e alpaca continueranno a offrire riparo alla popolazione ma  tramanderanno culture e saperi locali nei prodotti del telaio; le farine di grano e altri cereali resteranno la base della dieta boliviana ma vedranno accresciuto il proprio valore in una maggiore varietà di prodotti, più ricchi e nutrienti, grazie a una lavorazione attenta e rispettosa; il latte delle mucche, infine, sarà anche yogurt e burro, formaggi freschi e stagionati, aggiungendo nuovi sapori e creando buone abitudini.

“Il Programma Vita Campesina ha promosso e accompagnato lo sviluppo di 4 settori produttivi, ma anche investito sul futuro delle tante Organizzazioni economiche coinvolte. Grazie a un sostegno tecnico, la rete è oggi più forte e consapevole, più integrata e tecnicamente più competente. E soprattutto sono "Piccoli sogni che si avverano": la maggior parte di loro ha davvero visto coronato un sogno. Che non è mai un sogno fine a se stesso. E’ la crescita di un’idea, la concretizzazione di un progetto di sviluppo, il successo di una sfida. E il nuovo marchio sociale, orgogliosamente ottenuto da tutti questi prodotti, resterà incollato a ricordarlo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento