«Il futuro di Piacenza Expo? Tutto a favore dell'economia locale»

L'assessore Francesco Timpano ha analizzato in Giunta la questione del polo fieristico piacentino anche alla luce dei recenti sviluppi dei progetti reginali di accormapmento. «Expo 2015? Una grande occasione per Piacenza»

L'assessore Francesco Timpano

Nel corso dell'ultima riunione di Giunta, si è parlato a lungo del futuro di Piacenza Expo, dopo che in questi giorni è tornata alla ribalta la questione dell'accorpamento dei poli fieristici in Regione. L'assessore Francesco Timpano, a prescindere dalle decisioni future di accorpamento («E delle quali, allo stato dei fatti, non vi sono ancora elementi concreti»), ha sottolineato come l'intenzione primaria dell'amministrazione comunale sia quella di valorizzare il polo fieristico piacentino con una serie di iniziative di rivalutazione in un'ottica più locale e dedicata allo sviluppo delle aziende e delle risorse del tessuto economico piacentino.

«Il sistema fieristico nazionale sta conoscendo un profondo processo di trasformazione - afferma Timpano in una nota - Il quadro nazionale fieristico, sia per effetto della crisi economica che per effetto di un cambiamento profondo dei meccanismi di promozione commerciale, si modificherà rapidamente e presumibilmente andrà incontro ad un forte processo di concentrazione. Diverse fiere di medie e piccole dimensioni si trovano a dover fare i conti con questa realtà e numerosi processi di accordi commerciali oltre che di unificazione sono in atto. Questi processi seguono spesso logiche di puro mercato e sono guidate dalla ricerca o di complementarietà tra soggetti diversi o di mera concentrazione proprietari. In qualche caso si stanno verificando situazioni di potenziali fallimenti a cui si cerca di porre talvolta rimedio con la copertura delle perdite da parte dei soci».

«In Emilia Romagna si persegue da tempo un progetto di concentrazione dei poli fieristici - spiega l'assessore allo Sviluppo economico - in coerenza con ciò che sta succedendo in altri comparti. Il progetto però non pare decollare in particolare per la mancanza di risorse per l’incentivazione dei processi e per le difficoltà finanziarie di diverse realtà fieristiche. Al momento attuale non c’è sul tavolo alcuna ipotesi di accorpamento e, comunque, anche se vi fosse non ci troverebbe come Amministrazione Comunale assolutamente disponibili alle condizioni correnti».

«Al contrario, Piacenza Expo sta perseguendo da diverso tempo l’obiettivo di rafforzare la propria autonomia, salvaguardando il proprio portafoglio fiere dal quale si realizza una marginalità positiva, che rende la gestione industriale attiva in assenza di significativi trasferimenti dai soci. Si tratta di una dinamica tutta diversa rispetto ad altre fiere (anche nella nostra regione) dove, al contrario, la gestione industriale deficitaria determina interventi dei soci a ripiano delle perdite».

«Come diverse altre realtà fieristiche, la gestione industriale positiva di Piacenza Expo è compensata da alti ammortamenti che ne compromettono un anno ogni due l’equilibrio economico. Un’oculata gestione dei costi (in particolare di personale) ed una nuova strategia commerciale permetteranno nei prossimi anni a Piacenza Expo di consolidare la propria posizione economica. Tutto ciò consapevoli che le piccole dimensioni rendono relativamente più pesanti i costi fissi, ma permettono anche flessibilità ed inventiva che sono elementi di potenziale attrattività per nuovi eventi fieristici, espositivi e promozionali per i quali gli alti costi dei grandi quartieri fieristici sono improponibili».

Al fine di realizzare questo processo, l’Amministrazione Comunale, in accordo con gli altri soci in particolare con la Camera di Commercio, stanno puntando su alcuni obiettivi semplici ma molto chiari.

- Il rafforzamento delle eccellenze fieristiche di Piacenza Expo: in particolare Geo- Fluid, Colore, Expolaser, Franchising Nord, Apimell che per esempio ha avuto un formidabile successo di pubblico (come la Fiera di Primavera della scorsa settimana che ha raggiunto i 25000 visitatori). In questo senso, l’Amministrazione Comunale si sta impegnando anche a depotenziare il rischio che le fiere di maggiori dimensioni possano mettere a rischio le nostre iniziative, come nel caso di ExpoTunnel organizzato da Fiera di Bologna in aperta concorrenza con Geofluid e contro la quale si sta già esercitando una pressione finalizzata ad evitarne l’avvio o comunque a delimitarne il campo di interento;

-  introduzione di nuovi eventi come Eurocoat, fiera europea per l’industria delle pitture, inchiostri, vernici, colle, adesivi che apriranno nuove prospettive di internazionalizzazione per il nostro polo fieristico, e come Tubitaly;

-  introduzione di eventi specificamente al servizio delle filiere forti dell’industria piacentina sui quali lanciamo un appello ai produttori locali affinché cooperino con Piacenza Expo per coordinare eventi di marketing e promozione delle nostre eccellenze, a partire da quelle agroalimentari;

-  un protagonismo forte di Piacenza Expo nell’ambito di Expo 2015, con particolare riferimento alle iniziative connesse con Tomato World e l’industria del pomodoro, impegnandoci per una fiera permanente del pomodoro nel corso del 2015 e per un ruolo di regia istituzionale di Piacenza Expo sulle iniziative espositive e promozionali connesse a quell’evento;

-  un rinnovato impegno per Piacenza Expo per il lancio di eventi di promozione dei processi di attrazione di investimenti nel nostro territorio e di promozione dell’imprenditorialità e dell’innovazione;

-  una nuova mission per Piacenza Expo nell’ambito della promozione di incoming turistico che si realizzerà con una prossima proposta di variazione di Statuto agli enti soci che vada in questa direzione, anche al fine di collegare la rete degli eventi culturali alla promozione complessiva del territorio.

«All’insieme di queste azioni - dice ancora l'assessore - si aggiunge un intervento che l’Amministrazione Comunale di Piacenza promuoverà nel quadro di un processo di riqualificazione complessiva del quartiere fieristico e che vedrà la luce nei prossimi mesi. Esso potrà fare leva anche sulle risorse che vogliamo attivare grazie al cosiddetto progetto APEA (Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata), di cui Piacenza Expo è soggetto gestore, che riguarda polo fieristico e polo logistico e che mira a realizzare obiettivi di sostenibilità per l’intero comparto delle Mose».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Questi programmi - conlcude - potranno rafforzare Piacenza Expo e prepararla ad affrontare meglio le dinamiche future del sistema fieristico regionale e del Nord Italia. Una volta che questo percorso si rafforzerà, sarà possibile misurarsi con forme di cooperazione con altre fiere da una posizione di forza e comunque perseguendo una logica di ottimizzazione industriale e di cooperazione istituzionale che vada ad esplicito vantaggio del quartiere fieristico piacentino». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Travolto da un'auto lungo la Statale, è grave

  • Quattro feriti nello scontro sulla via Emilia

  • Bonus Covid da 600 euro ai parlamentari, la Lega sospende il deputato piacentino Elena Murelli

  • Rischia di annegare nella piscina di casa, salvata

  • Bonus covid ai parlamentari, la piacentina Murelli accusata dai giornali replica «No comment»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento