Sabato, 20 Luglio 2024
Economia

«Il lavoro in rete l'unica strada per la promozione del territorio»

Il ministro del Turismo Massimo Garavaglia ospite di Confcommercio. Il presidente Chiappa: «Spendere tempo e denaro per la formazione, a qualsiasi livello, è l'investimento migliore»

Marketing territoriale, promozione delle eccellenze locali, formazione degli operatori, organizzazione e collaborazione fra tutte quelle realtà che dal flusso di turisti e visitatori traggono benefici economici e occasioni di crescita: di tutto questo si è parlato ieri (domenica 3 aprile) con il ministro Del Turismo Massimo Garavaglia nella sede di Confcommercio Piacenza, dove il titolare dell'importante dicastero è stato ospite per un incontro con i vertici dell'associazione di categoria e delle sue varie ramificazioni.

Tanti i temi affrontati nel corso dell'appuntamento piacentino del ministro Garavaglia, avvenuto peraltro in un periodo particolarmente complesso per il sovrapporsi della crisi causata dall'impennata del costo di materie prime ed energia, gli ultimi strascichi del Covid e l'esplodere del conflitto in Ucraina. «Un quadro d'insieme preoccupante che non deve però distoglierci dall'impegno a investire per una risorsa tanto importante per l'economia del Paese come il turismo – commenta Raffaele Chiappa, presidente di Confcommercio Piacenza, riassumendo i contenuti dell'intervento di Garavaglia –. Nello specifico, parlando del Piacentino e delle sue eccellenze, è emersa ancora una volta la necessità di come per promuovere al meglio il nostro territorio ci sia bisogno di formazione, marketing turistico, professionalità, condivisione e sinergie tra i vari operatori del settore». «Un "lavoro in rete" tra le varie anime sociali, culturali ed economiche che il Piacentino, purtroppo, non sempre in passato ha saputo mettere in campo. Invece è proprio nell'incontro fra sinergie e nella visione d'insieme che si genera un lavoro strutturato nel tempo che permette di ampliare i flussi turistici e di distribuirli nel corso dell'intero anno» - sottolinea Chiappa.

Per arrivare a tale obiettivo, è stato rimarcato nel corso del confronto, è importante che tutte le voci di uno specifico territorio sappiano dialogare per una valorizzazione comune: arte e cultura, divertimento e tempo libero, enogastronomia e storia possono essere altrettanti vettori di un turismo sempre più alla ricerca di una "lentezza ragionata" e di uno stile di vita lontano dai ritmi frenetici di una certa offerta. «Ed è in questo contesto che l'Emilia Romagna e il Piacentino in particolare possono giocare un ruolo da protagonisti – commenta Chiappa -. Siamo un territorio di piccoli ma affascinanti borghi, attraversato dalla Via Francigena e da numerosi altri sentieri storici. Abbiamo una qualità della vita impagabile e una ricchezza enogastronomica invidiabile. Dobbiamo solo capire quanto siano importanti, per fare un salto di qualità, tematiche come la digitalizzazione, l'organizzazione e un nuovo tipo di cultura dell'accoglienza a 360 gradi». Infine, ricorda Chiappa, c'è il discorso della preparazione: «Occorre comprendere che spendere tempo e denaro per la formazione, a qualsiasi livello, è l'investimento migliore. A fronte di un'offerta internazionale sempre più variegata e di alto profilo, alla quale l'Italia nel suo complesso non ha sempre saputo tenere il passo, è indispensabile fare crescere tra i giovani nuove figure professionali nel settore turistico e nel marketing turistico. Avere un Ministero dedicato a questo comparto rappresenta per il nostro settore un aiuto prezioso e questo incontro, per il quale devo dedicare un grazie particolare al Presidente d’Onore e componente del Consiglio d’Amministrazione e del Comitato esecutivo della Banca di Piacenza Avvocato Sforza Fogliani, ne è stata la dimostrazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Il lavoro in rete l'unica strada per la promozione del territorio»
IlPiacenza è in caricamento