Economia

Il Natale solidale della Cisl di Piacenza

Gli effetti della pandemia stanno creando nuovi poveri e bisogni emergenti: da qui l'importanza di offrire un sostegno concreto ai servizi portati avanti da Caritas

Niente doni natalizi ma per donare l'equivalente alle Caritas di Parma e di Piacenza. E’ denso di significato il gesto che quest'anno ha deciso di compiere la Cisl di Parma e Piacenza, per vivere un Natale solidale ed aiutare i più bisognosi. «Visto il momento di grande difficoltà che stanno vivendo i nostri territori e, più in generale, il nostro Paese – spiegano Michele Vaghini ed Angela Calò, rispettivamente Segretario Generale e Segretario Generale aggiunto della Cisl Parma Piacenza – abbiamo deciso di riconvertire la cifra che in passato veniva destinata agli omaggi natalizi, per devolverla alle Caritas diocesane di Parma e di Piacenza, da sempre in prima linea nell'aiutare le persone più fragili». Gli effetti della pandemia stanno creando nuovi poveri e bisogni emergenti. Da qui l'importanza di offrire un sostegno concreto ai servizi portati avanti da Caritas. Per far capire la gravità della situazione bastano pochi dati: al momento, dalle due Caritas diocesane, vengono erogati complessivamente  più di trecento pasti al giorno e le nuove modalità di distribuzione dei pasti, hanno fatto aumentare in modo significativo le spese sostenute dalle due Caritas. «Ringraziamo tutti i nostri collaboratori per questo grande gesto di altruismo – sottolineano Michele Vaghini ed Angela Calò - Il nostro obiettivo non è soltanto quello di offrire dei servizi alla collettività ma aiutare la persona nel suo complesso».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Natale solidale della Cisl di Piacenza

IlPiacenza è in caricamento