Istruzione Tecnica Superiore, in avvio il primo corso nella nostra provincia

Organizzato da Ecipar-CNA e Fondazione TEC

Sta per partire anche nella nostra provincia il primo anno scolastico degli Istituti Tecnici Superiori, nuove realtà formative previste dal Ministero dell’Istruzione con il compito di realizzare percorsi specialistici post-diploma alternativi all’università. Obiettivo di questi nuovi corsi, di durata biennale, è quello di formare tecnici superiori in grado di di inserirsi nei settori strategici del sistema economico-produttivo, portando nelle imprese competenze nuove e altamente specialistiche.  Il primo corso attivato nella nostra provincia, che partirà entro metà dicembre, è stato presentato il 6 novembre e sarà realizzato da Ecipar - ente di formazione della CNA piacentina - sotto l’egida della Fondazione Istituto Tecnico Superiore Territorio Energia Costruire.

«Siamo onorati di collaborare con questa realtà - hanno sottolineato il presidente di Ecipar Piacenza, Marco Salvatori, e la Direttrice di Cna Piacenza, Enrica Gambazza - e di essere i primi ad attivare questi corsi specialistici post-diploma sul nostro territorio. Corsi che non solo rispondono alle nuove esigenze delle nostre imprese, ma che offriranno anche accesso al mondo del lavoro a tanti giovani. Tra l’altro, le 800 ore di stage previste nel percorso biennale, verranno in parte svolte proprio in aziende nostre associate operanti nei comparti dell’energia, della meccanica e delle costruzioni”. Ottocento ore di stage in un percorso che, durante i due anni, si articolerà complessivamente in 2000 ore di lezioni. Il corso attivato nella nostra provincia formerà “Tecnici superiori per la gestione e la verifica di impianti energetici.

«Questo nuovo corso - ha evidenziato il presidente provinciale di Cna, Giovanni Rivaroli - è sintomo della vitalità della nostra Associazione e nasce con l’obiettivo di formare nuove figure professionali altamente tecniche, anche legate al tema dell’impresa 4.0. Le PMI nei prossimi anni metteranno a disposizione 500.000 posti di lavoro, e credo che questi tecnici superiori avranno sicuramente un canale preferenziale in questo nuovo e prossimo scenario lavorativo. Ringrazio la Fondazione per la preziosa collaborazione, ma anche Ecipar che continua a dimostrarsi un autentico valore aggiunto della nostra Associazione». «Le specifiche di questi corsi - ha aggiunto il presidente della Fondazione, Simone Corli - sono state individuate nel 2010, anno in cui la Regione Emilia Romagna assegnò ad ogni provincia delle tematiche da sviluppare attraverso, appunto, gli Istituti Tecnici Superiori. Attualmente in regione ci sono attivi tre corsi: uno a Ferrara, uno a Ravenna e questo nuovo che sta per partire a Piacenza; a questi corsi, con aule limitate a 20/25 studenti, partecipano giovani diplomati provenienti da tutta Italia e credo che questo stia a dimostrare la bontà e la serietà dei nostri percorsi che, tra l’altro, sono costantemente monitorati dal Ministero dell’Istruzione». Chiunque fosse interessato a partecipare al corso può rivolgersi ad Ecipar-CNA (tel. 0523.572240 - sedepiacenza@itstec.it). Iscrizioni entro il 7 dicembre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento