menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"L'Italia riparte dalla terra", il convegno Coldiretti sulla fiscalità in agricoltura

Fiscalità in agricoltura e la legge di stabilità, questi i temi del convegno organizzato da Coldiretti Piacenza per venerdì 12 febbraio 2016 alle 10.30 presso la Sala Bertonazzi del Palazzo dell'Agricoltura in Via Colombo

Fiscalità in agricoltura e la legge di stabilità, questi i temi del convegno organizzato da Coldiretti Piacenza per venerdì 12 febbraio 2016 alle ore 10.30 presso la Sala Bertonazzi del Palazzo dell’agricoltura in Via Colombo 35. A racchiudere l’essenza delle novità in fatto di fiscalità in agricoltura il titolo dell’incontro: “L’Italia riparte dalla terra”. Al convegno interverranno illustri relatori come il Capo Area Azione Sindacale della Confederazione Coldiretti, l’avvocato Gaetano Varano, il Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Economia, l’onorevole Paola De Micheli, ed il Capo Ufficio Assistenza Tributaria della Confederazione Coldiretti, Domenico Buono. A fare gli onori di casa il presidente ed il direttore di Coldiretti Piacenza, Marco Crotti e Massimo Albano. 

Dall’azzeramento dell’Irap alla cancellazione dell’Imu per i coltivatori diretti e per gli imprenditori agricoli professionali sia nei terreni in pianura che nelle aree montane, dove è stata tolta a tutti, ma anche l’aumento della compensazione Iva sulle carni bovine e suine (passando rispettivamente a 7,7 per cento e all'8 per cento) che vale 20 milioni di euro e l’incremento delle percentuali di compensazione Iva per i prodotti lattiero caseari all’8,80 al 10 per cento nonché i fondi stanziati per il finanziamento delle assicurazioni contro le calamità con un budget di 140 milioni in due anni. “Parleremo, spiega Emanuele Gonsalvi, responsabile CAF di Coldiretti Piacenza di quasi un miliardo di risorse aggiuntive all’agricoltura senza ulteriori aggravi dei costi di produzione su voci importanti come il gasolio agricolo agevolato che invece era stato pesantemente ridimensionato negli ultimi anni.” “Per la prima volta, dopo anni di sacrifici, commenta il presidente Marco Crotti, con la legge di Stabilità del 2016, l’esecutivo ha messo al centro della ripresa economica e sociale del Paese il settore agricolo, riportando l’agricoltura alla fiscalità degli anni novanta. Il settore agroalimentare italiano ha dato prova in questi anni di crisi di poter fare da traino per l’economia del paese per questo la riduzione del peso fiscale risulta di particolare valore poiché ci consente di recuperare risorse utili per i dovuti e non più rimandabili investimenti finalizzati all’innovazione con ulteriori ricadute positive anche sulla crescita dell’occupazione oltre che sotto il profilo dell’efficienza produttiva.”

“La manovra, aggiunge Massimo Albano, direttore di Coldiretti Piacenza, tramite l’assegnazione di risorse finanziarie riconosce concretamente il ruolo del settore agricolo per la società e per l’ambiente. Il 2015 è stato per Coldiretti e per l’agricoltura italiana, un anno straordinario, che ha reso consapevole la società intera della centralità del cibo e dell’importanza della cura del territorio riconoscendo come cruciale la figura dell’agricoltore. Le vittorie ottenute con la legge di stabilità sono il culmine di un impegno sindacale costante, fatto di proposte oltre le proteste, fatto di esempi concreti e messaggi positivi di un’Italia creativa e coesa che crea occupazione portando alto il buon nome del Made in Italy.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento