rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Economia

«La chiusura del magazzino Fedex-Tnt non può essere la soluzione»

Usb avanza una proposta di mediazione per spostare in avanti la situazione ed evitare il disastro di avere più di trecento famiglie in mezzo ad una strada

Usb avanza una proposta di mediazione per spostare in avanti la situazione ed evitare il disastro di avere più di trecento famiglie in mezzo ad una strada. «Il magazzino – interviene il sindacato di base - va riaperto gradualmente, si ridia subito il lavoro ad una parte degli attuali addetti a partire dai più anziani di età e con il maggiore carico familiare. Si ricostruisca un clima di serenità e rispetto e progressivamente si proceda alle ulteriori assunzioni». In parallelo Usb chiede che si dia la possibilità a chi non rientra subito di accedere ad ammortizzatori sociali, a ricollocamenti o a seri incentivi all'esodo. «Se dall'incontro tra le parti sortirà una credibile proposta di accordo Usb ritiene che la stessa debba essere ratificata dal consenso di tutti i lavoratori del magazzino. Occorre voltare pagina e creare le condizioni per una uscita dignitosa dal vicolo cieco in cui si è messa questa vicenda. La ferita che si è aperta nella comunità e nel territorio piacentini può essere rimarginata solo ridando dignità al lavoro e ai lavoratori».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«La chiusura del magazzino Fedex-Tnt non può essere la soluzione»

IlPiacenza è in caricamento