rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Economia

«La manovra economica non considera i salari più bassi e le pensioni»

Il 16 dicembre sciopero di Cgil e Uil (ma non Cisl) contro la legge di bilancio del Governo Draghi: «Non c’è stato confronto». Pullman anche da Piacenza per Roma

Cgil e Uil il prossimo 16 dicembre scioperano e promuovono una manifestazione a Roma (e in altre città italiane) contro la legge di bilancio che il Governo Draghi si appresta a varare. Per i due sindacati la manovra non tiene conto dei salari più bassi e delle pensioni minime.

«Dopo 7-8 anni di crisi economica profonda – spiega il segretario provinciale della Cgil, Gianluca Zilocchi - e due anni di pandemia, è giunto il momento di utilizzare le energie per combattere disuguaglianze e disparità sociali. Anche perché viviamo una fase di politiche espansive che può contare su risorse ed investimenti a disposizione».

«La manovra di bilancio del Governo Draghi – aggiunge Zilocchi - dà risposte su ammortizzatori sociali e fondo non autosufficienza, ma manca complessivamente di un’impronta su equità, giustizia sociale e redistribuzione. L’80% delle persone giovani che lavorano ha rapporti precari. L’indeterminato è una chimera per molti giovani e per le donne. Vogliamo un lavoro più stabile e con garanzie». Per questo Cgil e Uil scioperano. «Le mediazioni hanno coinvolto solo i partiti del Governo e non c’è stato ascolto con i sindacati, si tratta di decisioni già prese».

La legge di bilancio prevede 8 miliardi di euro d’intervento sul Fisco. «Per noi la scelta doveva essere quella di intervenire su salari e pensioni più bassi, con un’Irpef più agevole. Le scelte fiscali non premiano chi ne ha davvero bisogno. E vogliamo riaprire la discussione sulle pensioni. È giusto andarci a 62 anni di età o con 41 anni di contributi». La Cgil organizza perciò pullman che partiranno giovedì mattina dallo stadio Garilli, per Roma, con partenza alle 7.30. Sarebbero già un centinaio le prenotazioni.

«Qualcuno definisce inopportuna la nostra iniziativa – aggiunge Francesco Bighi, segretario Uil - per il Covid, ma sarà distribuita su più città italiane proprio per evitare che troppa gente sia a Roma». Bighi condivide le motivazioni espresse da Zilocchi. «Non si stanno assumendo giovani nel Piacentino, solo contratti precari. Semplificare il fisco non significa diminuire le aliquote. Ci aspettavamo più attenzione nei confronti dei salari più bassi».

Non aderirà allo sciopero la Cisl. «Un giudizio negativo sui contenuti – precisa Zilocchi - c’è anche da parte loro, ma non intendono scioperare. Per noi è un errore. Abbiamo un Governo che rappresenta quasi l’intero arco parlamentare, lo sciopero dà fastidio perché ogni nota sembra una voce fuori dal coro. Saremo in piazza nel rispetto delle norme anti Covid. Non ci stiamo a passare per degli irresponsabili. C’è stato negato un confronto ed è giusto farsi sentire».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«La manovra economica non considera i salari più bassi e le pensioni»

IlPiacenza è in caricamento