rotate-mobile
Economia

«La norma sulle rinnovabili tutela le eccellenze agricole»

Coldiretti commenta la delibera della Regione sulle aree idonee per ospitare il fotovoltaico

«La norma regionale con la quale la Giunta definisce i criteri per la localizzazione degli impianti fotovoltaici evidenzia una particolare sensibilità a tutela delle eccellenze agricole, in una regione che conta 44 produzioni certificate tra DOP ed IGP - lo ha detto il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Nicola Bertinelli nel commentare a delibera sui criteri di localizzazione degli impianti approvata dalla Giunta - a dimostrazione dell’utilità del nostro confronto e dialogo con le istituzioni». «La delibera contiene l’aggiornamento dei criteri per la corretta localizzazione delle varie tipologie di impianti - ha detto il Direttore regionale di Coldiretti Marco Allaria Olivieri, delegato confederale di Coldiretti Piacenza- individuando, a seconda della coltivazione in essere, la tipologia di impianto (moduli a terra o AgriVoltaico) ed il relativo dimensionamento. Per i terreni a 500 metri da zone a destinazione industriale e per quelli entro una distanza non superiore a 300 metri dalle reti autostradali, considerati aree idonee dalla Legge nazionale, sono vietati gli interventi che non consentano il futuro pieno ripristino agricolo dello stato dei luoghi. E se interessati da coltivazioni certificate - continua il direttore di Coldiretti - sono ammessi esclusivamente impianti agrivoltaici».

«A ciò si aggiunge - ha detto Allaria Olivieri - che in tutte le restanti aree agricole  di produzione delle nostre eccellenze regionali, quali le  coltivazioni certificate, le produzioni bio, quelle integrate, le denominazioni d’origine e geografiche protette e le superfici con coltivazioni che rispettano disciplinari di produzione,  non si possa occupare più del 10% nei terreni nella disponibilità del richiedente, ed utilizzando esclusivamente impianti agri-voltaici in modo da poter continuare l’attività agricola». «Il mondo agricolo –afferma infine il direttore di Coldiretti Piacenza Roberto Gallizioli - vuol fare la propria parte per contribuire alla produzione di energia pulita e per affrontare la crisi energetica che stiamo attraversando, ma questo non deve mettere a rischio la funzione fondamentale di produrre cibo per il Paese».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«La norma sulle rinnovabili tutela le eccellenze agricole»

IlPiacenza è in caricamento