Le terme di Salsomaggiore, quando rigenerarsi è possibile anche in pausa pranzo

"L'acqua è la forza che ti tempra, nell'acqua ti ritrovi e ti rinnovi"

E' questo quello che uno dei più grandi poeti della storia italiana, Eugenio Montale, pensava dell'elemento naturale. Non a torto se si considera che l'acqua, fin dalla notte dei tempi, riesce ad avere effetti terapeutici, alleviando peso e fatica, rigenerando infine corpo e mente. 

E' nell'antica Roma che il fenomeno delle acque termali e quindi del termalismo inizia a farsi strada, arricchendosi nel tempo di particolarità e benefici, caratteristiche che hanno portato l'uomo a non poterne fare a meno. E' in questo contesto storico, infatti, che le terme iniziano a rappresentare un luogo di benessere sia nell'ambito dei cosiddetti bagni pubblici sia per quelli privati. Nel corso della storia l'importanza dei centri termali ha acquisito sempre più spessore fino ad arrivare ai giorni nostri. Nell'età contemporanea, infatti, la terapia termale trova d'accordo l'intera comunità medica. 

Lo sanno bene gli specialisti delle terme di Salsomaggiore e di Tabiano che fin dalla prima metà del 1800 lavorano per ampliare e perfezionare il ventaglio di offerte restando sempre un punto di riferimento in Italia non solo per chi ne usufruisce mosso da esigenze fisiche ma anche per chi le vive con diletto e spensieratezza. 

Due acque, salsobromoiodica e sulfurea fra le migliori d' Europa che, scorrendo nelle profondità della terra, danno origine a due fanghi ricchissimi di principi attivi rilasciati dalle acque stesse. Qui massaggi, maschere di fango e trattamenti purificanti, idratanti e supernutrienti donano luce ed elasticità anche alle pelli più spente. E' proprio sull'evasione dai frenetici ritmi quotidiani ricercando il benessere psicofisico che gli specialisti delle terme di Salsomaggiore e Tabiano fondano la mission aziendale. 

Con l'intento di restare sempre più vicini alle propria clientela e sempre attenti a qualunque tipo di esigenza le terme di Salsomaggiore restano aperte fino al 18 dicembre e quelle di Tabiano invece fino all'8 gennaio. La novità più importante è l'orario continuato. A partire dalle ore 8.00 del mattino fino alle ore 17 è possibile godere dei benifici messi a disposizione dei centri termali. Anche in pausa pranzo? Ebbene sÏ, i residenti dei comuni limitrofi potranno infatti approfittare dell'intervallo in ufficio per rilassarsi e curarsi lontano dallo stress. Ma non è tutto, nel mese di novembre anche promozioni e offerte per i trattamenti che si intende effettuare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento