“Mare di sapori” e “Tramonti di vino”: tutta la bontà dell’enogastronomia piacentina e dell’Emilia-Romagna

La manifestazione ieri ed oggi in Piazza Cavalli

Dopo la “Coppa d’oro” a fare da prologo, giovedì, nel salone di Palazzo Gotico, ecco, nel prestigioso “parterre” di Piazza Cavalli, la manifestazione “Piacenza è un mare di sapori” evento eno-gastronomico per festeggiare i vent'anni della DOP per i salumi piacentini.La celebrazione a Piacenza rappresenta la fase finale della rassegna “Emilia-Romagna è Un Mare di Sapori” realizzata dall’assessorato all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna che ha toccato diverse località della riviera Adriatica. Si svolge già da 11 anni in collaborazione del Consorzio dei Salumi Dop Piacentini e del Parmigiano-Reggiano, del Prosciutto di Parma e di Modena, della Pesca e Nettarina di Romagna, della Pera dell’Emilia-Romagna, della Mortadella Bologna, dell’Olio Extravergine di Brisighella, degli Aceti Balsamici Tradizionali di Modena e Reggio Emilia, dell’Aceto Balsamico di Modena, della Patata di Bologna, della Piadina Romagnola, dello Squacquerone di Romagna, del Riso del Delta del Po, dell’Aglio di Voghiera e con il sostegno di Enoteca regionale, APT Servizi Emilia Romagna, AIS Emilia e Romagna.

“Un lungo elenco a sottolineare- commenta l’assessore regionale all’Agricoltura Simona Caselli- il primato della nostra Regione in Europa per numero di Dop ed Igp che ci sta premiando sui mercati”. Tramonto DiVino, è la carovana del gusto della Regione Emilia-Romagna che da undici anni anima l’estate tra le città d’arte e le principali località balneari della Riviera. Protagoniste le etichette e cantine della regione presentate nell'edizione aggiornata della guida “Emilia Romagna da Bere e da Mangiare”, abbinate alle più blasonate produzioni certificate.Anche a Piacenza sono proposte in assaggio da decine di sommelier Ais, mediatori culturali dell’enogastronomia, per raccontare la cultura enologica e l’identità di  un territorio principe per biodiversità e varietà di eccellenze.

“I vini piacentini in particolare- ribadisce la Caselli- rappresentano il top della nostra produzione; in questi anni hanno compiuto passi da gigante nella via della qualità, anche grazie a progetti come quello di Pro-Viterre per esaltare la specificità territoriale di questi straordinari vini. Le tappe di Tramonto DiVino contribuiscono a far conoscere il mondo dell’agricoltura e tutto quanto c’è attorno: qualità, innovazione, territorio, enogastronomia, pacchetti turistici e cultura rurale. 

Siamo noi- dice l’assessore- che costruiamo la nostra reputazione, ma dobbiamo comunicarla in modo adeguato; c’è una spinta dai mercati verso il vino biologico così per tutte le produzioni di qualità, come appunto i salumi Dop piacentini che devono ora aprirsi anche ai mercati esteri che chiedono inderogabilmente non solo prodotti buoni, ma anche sostenibilità, non solo ambientale, ma altresì sociale ed economica. Tutto questo va certificato ed in questa accezione la burocrazia ha un significato. Ma non deve essere opprimente: il “testo unico”, ovvero la codificazione della legislazione italiana in materia di produzione e commercio del vino (a seguito della riforma Ocm vino del 2013), sicuramente aiuterà a semplificare.

I vini piacentini- ribadisce la Caselli- sono straordinari e vanno valorizzati così come i salumi che hanno ottenuto nel Psr un aiuto per un progetto di promozione internazionale, in particolare verso Germania e Svizzera. In questi paesi la certificazione di sostenibilità è essenziale ed in questo senso la denominazione Dop li facilita, così come trova fertile terreno nei suoi produttori che già sono abituati a produrre secondo i rigidi disciplinari. Insomma- conclude l’assessore- le prospettive sono ottime, dobbiamo proseguire con determinazione sulla strada della divulgazione dei nostri straordinari prodotti enogastronomici, uniti e convinti delle nostre potenzialità. La Regione sarà sempre al fianco di questi straordinari produttori e per tutta la filiera”.

Anche “Piacenza è un mare di sapori” offre un importante contributo a far conoscere le eccellenze piacentine e regionali; la kermesse nella splendida Piazza Cavalli propone uno straordinario programma di eventi. Due giorni dedicati al gusto, con tanti laboratori, momenti di degustazione e attività educational rivolti alle scuole e agli appassionati, per scoprire le DOP e IGP del territorio, comprese le denominazioni vinicole regionali. Pizza, panini, street food, tutto è valido come base per i Salumi DOP Piacentini e le altre eccellenze regionali a Indicazione Geografica. Le eccellenze food&wine saranno accompagnate da incontri e seminari sul tema, inoltre, ogni sera Piazza Cavalli ospita interessanti concerti musicali: ieri l’esibizione di musica popolare dell’Osteria del Mandolino, oggi, sabato, chiuderà la manifestazione il concerto di Daniele Ronda “A beautiful mind summer tour 2017”, alle ore 21,30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento