rotate-mobile
Venerdì, 12 Agosto 2022
Economia

"Mattone" in ripresa in Emilia Romagna: +2,5% a Piacenza

Segnali di ripresa per il mercato immobiliare dell'Emilia-Romagna anche nel secondo semestre 2015

Segnali di ripresa per il mercato immobiliare dell’Emilia-Romagna anche nel secondo semestre 2015. E’ questa l’indicazione di sintesi fornita dall’OMI (Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate), in collaborazione con l’Ufficio Provinciale di Bologna–Territorio e l’Ufficio Provinciale di Modena–Territorio. A livello regionale si registra un aumento complessivo del 10,4% delle compravendite nel periodo luglio-dicembre 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014, con oltre 19.400 “Transazioni Normalizzate” registrate, come vengono tecnicamente definite le compravendite.  Il confronto 2015-2016 per provincia. Il trend positivo regionale si riflette anche nelle singole province: si va dal +2,5% di Piacenza fino a +17,5% di Ravenna, che fa segnare la performance migliore nel confronto con il secondo semestre 2014. Segno più che positivo anche per le province di Modena (+8,3%), Rimini (+9,2%), Parma (+10,7%), mentre a Reggio Emilia (+13,1%), Ferrara (+14,4%) e Forlì (14,6%) l’incremento è ancora più significativo. La distribuzione delle compravendite per provincia. La provincia bolognese fa da traino all’intera regione assorbendo il 27,4% delle compravendite; seguono Modena (14,9%), Parma (10,7%) e Reggio Emilia (10,1%), mentre le restanti province si attestano su percentuali inferiori al 10% del totale regionale. L’andamento delle quotazioni. Se rispetto allo scorso anno il numero di compravendite aumenta, diminuisce il valore delle quotazioni medie, anche  se in misura ridotta (-1,1%). Il segno meno caratterizza tutte le province, ad eccezione di Reggio Emilia (+0,3%), Rimini (+0,1%) e Ferrara, che chiude in pareggio, mentre Parma fa segnare la flessione più marcata (-6,6%).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mattone" in ripresa in Emilia Romagna: +2,5% a Piacenza

IlPiacenza è in caricamento