menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Francesco Milza e Nicoletta Corvi

Francesco Milza e Nicoletta Corvi

Milza: «In otto anni fatturato e addetti raddoppiati. Lascio una Confcoop in salute»

Dopo tre mandati e 12 anni consecutivi alla guida di Confcooperative Piacenza il presidente Francesco Milza non si ricandida. Lascia una realtà che dal 2006 a oggi ha raddoppiato il fatturato, passando dai 150 milioni di euro del 2006 ai 302 attuali, e anche gli addetti, cresciuti da 2400 fino a 4500

Dopo tre mandati e 12 anni consecutivi alla guida di Confcooperative Piacenza il presidente Francesco Milza non si ricandida. Lascia una realtà che dal 2006 a oggi ha raddoppiato il fatturato, passando dai 150 milioni di euro del 2006 ai 302 attuali, e anche gli addetti, cresciuti da 2400 fino a 4500.

«I numeri - spiega Milza - dicono che il bilancio è estremamente positivo. Nonostante gli anni di crisi che abbiamo dovuto affrontare, Confcooperative si è sviluppata in modo consistente e non per frutto del caso: abbiamo lavorato parecchio e i nostri modelli si sono rivelati vincenti». Nel corso dell’incontro in cui ufficializza la sua intenzione di non ricandidarsi, Milza precisa: «Lascio una realtà in salute a persone valide, competenti e capaci». Quindi, insieme con la direttrice di Confcoop Piacenza Nicoletta Corvi, prosegue la sua analisi: «Siamo cresciuti anche per le scelte fatte. A volte siamo stati costretti a sacrificare la redditività a favore dell'occupazione, ma è la base del nostro modello di cooperazione».

L'attuale presidente non si è mai tirato indietro di fronte ai problemi e in passato ha preso posizioni forti contro ad esempio quelle cooperative spurie che operavano nel mondo della logistica. «Abbiamo denunciato pubblicamente tutti i problemi, perché vedevo cosa stava succedendo e i danni che avrebbero potuto provocare a lavoratori, cooperative e soci. Complessivamente è un mondo che va monitorato, passi in avanti ne abbiamo registrati, ma c’è ancora tanto da fare anche sul nostro territorio».

Lunedì, alla presenza del Ministro dell'Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, è in programma l’Assemblea che eleggerà il nuovo presidente provinciale al termine di un percorso avviato da mesi. All’ordine del giorno programmi e progetti per i prossimi 4 anni, nati dal confronto e dal dialogo fra le varie parti interessate sintetizzati in un documento che verrà discusso nella Sala degli Arazzi alla Galleria Alberoni. «Comprende temi come lo sviluppo economico, il nuovo welfare e soprattutto la legalità. Recentemente abbiamo partecipato a una raccolta di firme contro le cooperative spurie; minano la credibilità che ci siamo guadagnati nel corso degli anni. Ma analizzeremo anche la territorialità del modello organizzativo, perché il tema dell’area vasta ha già portato a un dibattito sentito ma anche ad azioni concrete». Gli argomenti di discussione sono parecchi, ed intensa è anche la voglia di sviluppare una nuova classe dirigente: «All’interno delle nostre cooperative abbiamo parecchi giovani, stiamo puntando su un nuovo gruppo che garantisca un futuro importante all'associazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento