Multiutility, nel 2015 margine operativo di Iren a 1 miliardo di euro

Nel settore ambiente, l'obiettivo del Gruppo e' raggiungere 1,8 mln di tonnellate di rifiuti urbani e speciali trattati (+98% rispetto al 2009), grazie al completamento del sistema impiantistico di smaltimento

Iren prevede di raggiungere per il 2015 un Margine Operativo Lordo pari a circa 1 miliardo di euro. Lo comunica in una nota MF Dow Jones. Nel periodo 2011-2015 il gruppo Iren intende concentrare le proprie attivita' di sviluppo nei settori idrico, ambiente e teleriscaldamento per linee di crescita sia interna che esterna con particolare focalizzazione nei territori di riferimento.

LA CRESCITA - Si tratta di settori nei quali il gruppo gode di una posizione di significativo vantaggio competitivo e nei quali sara' possibile cogliere le opportunita' offerte dallo scenario evolutivo. Nel settori liberalizzati il gruppo si pone l'obiettivo di accrescere l'attuale base clienti finali nella fornitura di vettori energetici (gas ed elettricita') e di ottimizzare il proprio portafoglio di approvvigionamento gas e generazione. L'ottimizzazione del cash flow nelle reti gas ed elettriche completa il quadro degli obiettivi su cui il Gruppo concentrera' la propria crescita nel prossimo quinquennio, anche attraverso l'apertura a partnership specifiche.

DISMISSIONE - La dismissione di asset non strategici rendera' disponibili ulteriori risorse per focalizzarne l'allocazione sul piano di sviluppo. Sulla base di queste linee strategiche, il Gruppo Iren si prefigge una crescita dell'Ebitda a circa 1 mld euro nel 2015 (Cagr 10% annuo). Il piano industriale prevede inoltre un programma di investimenti per il periodo 2011-2015 per oltre 2,4 mld euro e sinergie cumulate sull'orizzonte di piano per 70 mln euro che si prevede verranno realizzate al 70% nei primi tre anni di Piano. La Posizione Finanziaria Netta stimata a fine Piano e' pari a circa 2,5 mld euro con un rapporto Net Debt/Ebitda in discesa a circa 2,5 volte (3,6 volte al 2009), grazie ad un pieno equilibrio sul fronte dei flussi finanziari.

PIANO DI INVESTIMENTO - Per quanto riguarda il servizio idrico integrato nel quinquennio 2011-2015 l'impegno del gruppo Iren si concentrera' sulla realizzazione dei piani di investimento nelle aree liguri ed emiliane previsti come naturale avanzamento dei piani d'ambito gia' avviati. Forte rilevanza assumeranno le iniziative per cogliere le opportunita' di espansione in ambiti attualmente non gestiti, possibilmente rientranti nel bacino territoriale di riferimento, anche grazie al consolidamento dell'operazione avviata con F2i per la concentrazione e lo sviluppo dell'attivita' nel settore idrico. Il Servizio idrico integrato, che si prevede realizzera' il 46% della crescita del Mol di Gruppo, raggiungera' volumi di vendita pari a 380 mln di metri cubi, in forte crescita rispetto ai 192 mln di metri cubi del 2009 (+100%), a servizio di un bacino di oltre 4,5 mln di abitanti (2,4 milioni al 2009).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AMBIENTE - Il progetto di crescita prevede la realizzazione di circa 1,1 mld euro di investimenti nell'arco piano. Nel settore ambiente, l'obiettivo del Gruppo Iren e' raggiungere, nel 2015, 1,8 mln di tonnellate di rifiuti urbani e speciali trattati (+98% rispetto al 2009), grazie in particolare al completamento del sistema impiantistico di smaltimento a servizio degli ambiti territoriali serviti, dove e' previsto un target di raccolta differenziata almeno al 60%, e all'espansione delle attivita' di settore in ambiti attualmente non gestiti nel bacino geografico di riferimento. In parallelo allo sviluppo della capacita' impiantistica il Gruppo Iren punta ad una crescita della quota di mercato nella gestione dei rifiuti speciali non pericolosi (+30% sui territori di riferimento). Il 18% della crescita del Mol sara' sostenuta dal settore Ambiente attraverso un piano di investimenti che si attesta a circa 400 milioni di euro nel quinquennio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento