Nel Piacentino 21mila auto pre Euro 4, il dato più alto della regione

Rappresentano l'11,5 per cento del parco macchine complessivo dei piacentini secondo l'osservatorio di Facile.it

Nonostante lo stop alle auto diesel Euro 3 o inferiori, in Emilia Romagna sono 274.837 quelle ancora iscritte nel registro della motorizzazione civile, corrispondenti al 9,7% delle vetture private destinate al trasporto persone presenti in regione. Se si considerano anche le auto private diesel Euro 4 (pari a 316.060), sono in tutto 590.897 le quattro ruote presenti nella regione che potrebbero subire limitazioni alla circolazione. Il dato emerge dall’analisi realizzata da Facile.it che ha rielaborato i dati ufficiali del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture aggiornati a ottobre 2017.

Guardando alla diffusione provinciale delle auto private diesel Euro 3 e inferiori destinate al trasporto persone, al primo posto c’è Bologna, che conta 47.016 veicoli di questa categoria, seguita Modena (46.749), Reggio Emilia (32.334), Parma (30.094), Ravenna (27.602), Forlì-Cesena (26.733), Ferrara (22.990), Piacenza (21.025) e Rimini (20.288).

In termini percentuali, invece, prima della classifica regionale è Piacenza, provincia dove le auto diesel Euro 3 o inferiori rappresentano il 11,5% di quelle iscritte alla motorizzazione; seguono Ravenna (10,5%), Parma (10,5%), Forlì Cesena (10,5%), Ferrara (10,2%), Modena (10,1%) Rimini (9,7%), Reggio Emilia (9,4%) e Bologna (7,7%).

Cattura-7-2

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento