rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Le novità / Castel San Giovanni

Taglio del nastro per i laboratori di automazione e logistica a Borgonovo e Castello

Inaugurati i laboratori nei due istituti scolastici. Rolleri, presidente di Confindustria: «Qui si forma la crescita delle nostre aziende»

Si è svolta nella mattinata del 2 novembre l’inaugurazione dei laboratori di automazione e logistica realizzati all’interno dell’istituto tecnico di Borgonovo e quello professionale “Volta” di Castelsangiovanni con il contributo di Confindustria Piacenza (rappresentata al taglio del nastro dal presidente Francesco Rolleri) e delle aziende del territorio. L’inaugurazione rappresenta il coronamento di un percorso di investimenti all’interno dei poli scolastici della provincia, ritenuti elementi strategici di crescita per i giovani del territorio e per i futuri collaboratori e imprenditori piacentini. I laboratori del Polo Scolastico Volta si aggiungono così al ProMecA (Progettazione Meccanica Avanzata) dell’ISII Marconi inaugurato nel 2018 e Techno4Future del Polo Mattei aperto nel 2021, anch’essi finanziati da Confindustria Piacenza con il contributo delle aziende associate del territorio (e non solo).

LABORATORIO BORGONOVO

Il laboratorio di automazione è finanziato con il contributo di Confindustria e di Cantina Valtidone, Forpin, Poplast Flexible Packaging, Nuova General Instruments, Rolleri, Tectubi Raccordi S.p.A., T.G.R., Timaf trattamenti termici. Gli studenti hanno eseguito delle dimostrazioni grazie alle apparecchiature del laboratorio, a partire dalla simulazione dell’utilizzo della macchina a controllo numerico.

«Si conferma l’importanza per Confindustria degli Istituti Tecnici della provincia – ha detto Francesco Rolleri, presidente Confindustria Piacenza - perché qui si forma la crescita delle nostre aziende. Oggi si corona un programma quadriennale di investimenti per complessivi 150mila euro con nuovi laboratori per le scuole della provincia. Tutti gli studenti che hanno skill elevati nell’ambito dell’automazione sono molto ricercati e hanno la possibilità di entrare in azienda con progressi di carriera velocissimi. In Rolleri Robotic ho affidato ruoli di responsabilità anche a ragazzi di poco più di vent’anni, perché con le competenze maturate nel loro percorso riescono a recepire l’innovazione più dei colleghi dalla lunga esperienza».

«Siamo molto grati – ha spiegato Simona Favari, dirigente scolastico Polo Volta - del fatto che le principali realtà produttive del territorio abbiano deciso di investire con risorse consistenti per mettere i ragazzi nel condizioni di sperimentare davvero con strumentazioni all’avanguardia quelle che potranno essere le professioni nel mondo del lavoro. I nostri studenti dimostrano ogni giorno di più che è fondamentale metterli in condizione di sviluppare competenze immediatamente spendibili nel mondo del lavoro».

LABORATORIO CASTEL SAN GIOVANNI

Il laboratorio di Logistica è finanziato con il contributo di Confindustria e di Amazon, Gruppo FBH, Forpin, RAJA. Gli studenti hanno realizzato una presentazione relativamente a ciò che è la logistica e a come la logistica si è evoluta prima e dopo il Covid. Hanno anche presentato i due volumi realizzati da loro che fungeranno da manuali di studio per le prossime classi del percorso di logistica.

«Per Castel San Giovanni – ha aggiunto Francesca Pallavicini, preside vicario dell’Istituto Volta di Castel San Giovanni - la logistica importantissima. Questo laboratorio permetterà ai ragazzi e alle ragazze di esprimersi e trovare lavoro. Siamo molto felici di ciò che siamo riusciti a realizzare con il contributo di Confindustria e delle aziende. Gli studenti hanno anche preparato i libri di testo per le prossime classi che verranno, utilizzando le proprie competenze nell’ambito della logistica. Siamo tutti molto orgogliosi di loro».

«Anzitutto ringrazio Confindustria – ha preso la parola anche Lucia Fontana, sindaco di Castel San Giovanni - e le aziende che hanno permesso di realizzare questi laboratori. La Logistica è un elemento con cui noi dobbiamo convivere. Ci sono tanti aspetti positivi e ma anche negativi. Il nostro compito consiste nel saper governare la logistica e trarne il miglior impatto possibile per il territorio. Parlo della logistica ad alto tasso tecnologico che richiede competenze all’avanguardia. L’automazione e la robotizzazione degli stabilimenti necessiterà infatti sempre più di personale altamente qualificato e in grado di farli funzionare al meglio».

«La qualità nelle nostre produzioni – ha concluso Rolleri - è ormai data per scontata. Se però poi non spedisci la merce in maniera efficiente perdi tutto il lavoro svolto e non fai fruttare gli sforzi. La logistica va gestita con la massima professionalità. Voi ragazzi vi siete preparati ad un settore che sarà determinante nel futuro: siete dentro al futuro». Era presente anche Giuseppe Condina, direttore dell'Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. «Quando parliamo di movimentazione di merci e quindi di servizi di logistica – è la riflessione del direttore Condina - non possiamo non pensare agli imponenti flussi di merci che vengono importati ed esportati. Conoscere le regole doganali ed applicarle ai servizi di logistica consente una qualificazione di questa attività particolarmente importante per questo territorio e fornisce un proprio significativo contributo alla necessità di decongestionare i porti nazionali, notoriamente ingolfati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Taglio del nastro per i laboratori di automazione e logistica a Borgonovo e Castello

IlPiacenza è in caricamento