rotate-mobile
Economia

Nuovi voucher? «Inaccettabile». Il flash mob della Cgil di Piacenza

“La si pensi come si vuole ma siamo di fronte a una grave lesione democratica: inserire i voucher in un emendamento alla correzione di bilancio non è accettabile: milioni di italiani e più di 10mila piacentini hanno firmato per far celebrare un referendum per la loro abrogazione, il Governo li ha tolti prima di far esprimere i cittadini e ora li reintroduce facendoli passare da una porta secondaria? La nostra mobilitazione non finisce, non pensavamo di tornare così presto qui a volantinare ma siamo costretti”. Interviene così Gianluca Zilocchi, segretario generale della Camera del Lavoro di Piacenza, che ieri mattina insieme ad alcuni attivisti della Cgil piacentina ha organizzato un “flash mob” che dalla Camera del Lavoro è arrivato in centro storico. Come degli “strilloni”, gli attivisti e funzionari della Camera del Lavoro hanno distribuito dei volantini per sensibilizzare i cittadini sulla volontà di inserire i buoni lavoro. “Una scelta inaccettabile  e inqualificabile – spiegano dalla Cgil – da mesi abbiamo avanzato delle proposte che guardano in modo particolare al lavoro domestico e alle èpiccole mansioni. Non è accettabile che si usi la propaganda del contrasto al lavoro nero che i voucher non hanno fatto emergere, anzi hanno legittimato, per introdurre nuove forme di lavoro povero e sottotutelato a favore delle imprese di cui non si sente alcun bisogno”.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi voucher? «Inaccettabile». Il flash mob della Cgil di Piacenza

IlPiacenza è in caricamento