menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Drone Fly Italia

Foto Drone Fly Italia

«Piacenza non ha bisogno di nuovi insediamenti residenziali»

Confedilizia: «Va bene rigenerare la città, va bene riqualificare le aree dismesse ma il tutto avvenga attraverso un programma concertato in cui l’imprenditoria, l’architettura, l’urbanistica, la sociologia e il design si attrezzino per proporre progetti ancorati all’esigenze del territorio»

«L’sssociazione Proprietari Casa-Confedilizia di Piacenza, prendendo spunto, oltre che dal grido d’allarme ambientale di Italia Nostra, dall’intervento sulla stampa locale della consulta Territorio presieduta da Edmondo Ioannilli con cui la stessa rivolge un monito contro la costruzione di altri immobili, rileva che tale monito vale a maggior ragione per eventuali insediamenti nel centro urbano». Si legge in una nota. 

Prima di pensare ad iniziative che immettano sul mercato migliaia di metri quadrati di abitazioni (per esempio con i progetti di Terrepadane, all’interno del Consorzio Agrario, e dell’ex Manifattura Tabacchi), la rigenerazione urbana della città e la riqualificazione delle periferie deve assolutamente passare per un analisi delle residenze presenti ed invendute, procedendo con senso di responsabilità e lungimiranza. È necessario infatti, prima di intervenire, capire i bisogni della città che, al momento e probabilmente per i prossimi anni, non necessita di nuove abitazioni».

«Si cominci  - prosegue - con un piano di sviluppo urbano partendo proprio dall’esistente. Quindi va bene rigenerare la città, va bene riqualificare le aree dismesse ma il tutto avvenga attraverso un programma concertato in cui l’imprenditoria, l’architettura, l’urbanistica, la sociologia e il design si attrezzino per proporre progetti ancorati all’esigenze del territorio. L’Amministrazione chieda, dunque, ai soggetti proponenti lo sviluppo di progetti mirati che tengano in conto l’esigenza di aumentare l’accessibilità e l’attrattiva del centro urbano e delle periferie per evitare lo spopolamento e la decadenza della città prima di pensare a nuovi insediamenti residenziali per una popolazione che, ad oggi, non c’è»

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento