Politecnico, due nuovi corsi di laurea con al centro l'energia

Due nuovi corsi di laurea per il Politecnico. Orientati ai temi energetici e alle fonti rinnovabili, sono stati promossi dalla collaborazione di Eni con l'Ateneo

Due nuovi corsi di laurea per il Politecnico. Orientati ai temi energetici e alle fonti rinnovabili, sono stati promossi dalla collaborazione di Eni con l’Ateneo. Il programma di studi del Politecnico di Piacenza nell’ambito della Laurea Magistrale in Ingegneria energetica, indirizzo “Renewables and Environmental Sustainability” si arricchisce di due corsi di laurea finalizzati a fornire specializzazione a figure professionali specializzate su temi energetici, con particolare attenzione alle fonti di energia rinnovabile, al trattamento e al controllo delle emissioni e alla valutazione delle prestazioni energetiche e ambientali per aumentare la sostenibilità delle produzioni di energia. L’accordo promosso in collaborazione con “POGaMESchool”, è stato presentato dal pro rettore del Politecnico di Piacenza prof. Dario Zaninelli e sottoscritto dal rettore Giovanni Azzone e dall’amministratore delegato di Eni Corporate University Marco Coccagna, alla presenza del sottosegretario Paola De Micheli, del vicesindaco prof. Timpano del vicepresidente della Provincia Patrizia Calza, dell’ing. Claudio Cicognani presidente di Drillmec Drilling Technologies, dei vice direttori Confindustria Attilia Jesini e Giuseppe Cella, del Maestro del Lavoro Germano Ratti, direttore POGaMESchool e di operatori del settore e studenti. 

La Convenzione pone in essere la collaborazione tra le Parti per due edizione del Corso, a partire dall'anno accademico 2016-2017 e fino al completamento del biennio attivato nell'a.a. 2017-2018, attraverso: la formulazione, da parte aziendale, di proposte concernenti i contenuti didattici del Corso - lo svolgimento  di seminari e interventi didattici a contenuto applicativo e orientato alla professione, da parte di personale aziendale in possesso di adeguati requisiti scientifici e professionali, con oneri a carico di Eni e altre formazioni specialistiche. 

Con questi corsi ha detto il rettore del Politecnico prof. Azzone, confermiamo il ruolo strategico che riveste per noi il polo di Piacenza; mentre per il dottor Coccagna la convenzione dimostra come il territorio piacentino abbia tuttora un ruolo rilevante nelle strategie di Eni, specie in ambito formativo. Il sottosegretario on. Paola De Micheli ha, a sua volta, evidenziato l’importante traguardo raggiunto che segna una nuova tappa nel recupero della rilevanza della nostra provincia nel settore Oil and Gas. Nei primi mesi del prossimo anno un nuovo traguardo: l’avvio dell’alta scuola di formazione  POGaMESchool che attiverà corsi di formazione, seminari, convegni ed altri eventi culturali per le risorse umane già occupate, ovvero potenziali, delle aziende operanti nel settore della filiera dell’Oil and Gas e dell’Energia, attraverso l’organizzazione di percorsi post-diploma e/o post-laurea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento