menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gianluca Zilocchi

Gianluca Zilocchi

«Potenziare il progetto del nuovo ospedale, le polemiche sull'hub di terapia intensiva sono inutili»

Covid, Zilocchi (segretario generale Cgil Piacenza): «Nella Fase 2 si apra tavolo di concertazione su sicurezza sul lavoro e rilancio»

Il ruolo di Piacenza rispetto all’Hub per le terapie intensive. E un tavolo di concertazione su sicurezza, lavoro e “fase 2”. Sono questi gli argomenti che Gianluca Zilocchi, segretario generale Cgil Piacenza, affronta in una nota inviata alla stampa.
“Sono incomprensibili le polemiche rispetto all’hub di terapie intensive e alla presunta esclusione di Piacenza. Non è quella dell’hub la risposta adeguata per valorizzare il nostro territorio, uno dei più colpiti a livello nazionale. E’ evidente che le politiche sanitarie della Regione Emilia-Romagna devono rispondere al “problema Piacenza” ma questo hub non coglie l’obiettivo e la polemica sull’inclusione o meno di Piacenza è, a nostro avviso, inutile. Se Piacenza deve essere premiata per lo sforzo che sta facendo nell’affrontare questa epidemia lo si deve fare a partire dal nuovo ospedale”. Secondo la Cgil di Piacenza, “la prima risposta deve arrivare sul progetto dell’ospedale nuovo, non sull’hub di terapie intensive”.

“Sarà il primo che verrà costruito in Regione dopo l’epidemia di Covid, e di fronte avremo uno scenario cambiato rispetto a prima dell’epidemia, quindi occorre aprire un confronto serrato nel territorio e con la Regione su che cosa dovrà diventare questa struttura sanitaria. Si dovrà tenere conto degli scenari mutati – è il ragionamento del Segretario Cgil – e occorrono investimenti maggiori in termini economici perché così com’è stato progettato prima del covid, il nuovo ospedale di Piacenza può non bastare come dimensioni e posti letto. Dovremo pensare a una struttura sanitaria modulare e flessibile in grado di adeguarsi a ogni tipo di emergenza che potrà nascere”. “Occorrono nuovi criteri per il dimensionamento e dovrà essere un esempio per tutto il Paese. E questo, tuttavia, non sarà sufficiente se non si procederà a potenziare la rete assistenziale e di medicina del territorio puntando, per esempio, a un potenziamento delle Case della Salute e di tutti i percorsi socio-assistenziali che si stanno rivelando determinanti nel contenimento dell’epidemia”. “In un’ottica di ‘Aree vaste’ crediamo che Piacenza possa diventare un punto di eccellenza per quel che concerne il laboratorio analisi: questo punto è strategico. Qui ci sono professionalità e competenze per diventare un centro di analisi d’eccellenza. Le terapie intensive sono uno dei pezzi del puzzle, ma non possono bastare da sole”.
FASE 2

“In questi giorni fioccano idee e proposte su come affrontare la sfida del rilancio del territorio e del Paese. In questo contesto, chiediamo con forza che al centro ci sia il tema del lavoro come punto centrale di discussione, a partire dalla sicurezza per tutti operatori che stanno facendo sacrifici enormi in queste settimane di parziale lockdown. Occorre superare la gestione complicata e farraginosa dei codici Ateco e dei “beni essenziali”. L’obiettivo deve essere quello di lavorare in sicurezza ed evitare il diffondersi del contagio. Dobbiamo fare in modo che si lavori in condizioni concertate con parti sociali e in assoluta sicurezza. Per questo – conclude Zilocchi - occorre una cabina di regia politica per affrontare la nuova fase che coinvolga istituzioni, associazioni di categoria e parti sociali nonché gli istituti preposti alla vigilanza e al controllo. Vivremo una fase da cui si esce con la condivisone delle priorità. Per questo anche lo strumento del Tavolo per lo sviluppo del territorio del Comune di Piacenza, che il Comune dovrebbe far partire ma non è mai decollato, potrebbe essere uno strumento adeguato. Basta volerlo”.
“Permettetemi infine di fare un ringraziamento speciale a tutti i lavoratori che in queste settimane hanno tenuto in piedi il Paese. Dai servizi essenziali, sanitari, alla distribuzioni e a chi in fabbrica sta lavorando. Grazie per i sacrifici e per il senso di responsabilità che state dimostrando nella gestione di questa emergenza. Il vostro sforzo rappresenta la parte migliore di Piacenza e dell’Italia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento