Progetto Start Up: in Camera di Commercio per imparare a fare impresa

In Camera di Commercio il primo appuntamento con la nuova iniziativa di sostegno per le nuove imprese che vede la collaborazione di Unioncamere Emilia Romagna 

E’ partita ufficialmente la raccolta delle adesioni al nuovo progetto del sistema camerale che intende facilitare la creazione e lo start up di nuove imprese. In Camera di commercio Alessandro Campetella, consulente aziendale e formatore, ha delineato in modo semplice ed efficace quali sono i passi da compiere per arrivare alla costituzione di una nuova impresa, dando risalto alla necessità di intraprendere il percorso con attenzione, conoscenza e competenza. Per questo la proposta camerale diventa interessante, in quanto fornisce tutto il bagaglio informativo necessario, agevolando la soluzione dei problemi e riducendo, per quanto possibile, i rischi insiti nel progetto imprenditoriale.

Conoscere e confrontarsi” sono le due C che Campetella ha teorizzato quali presupposti per formulare un buon piano d’impresa: ricercare informazioni sul prodotto, sul suo mercato, sui concorrenti già in essere ma anche confrontarsi con i potenziali clienti ed altri imprenditori, senza timore. E proprio su questo messaggio si è soffermato anche Enrico Corsini, un neo imprenditore che ha costituito nel 2014 l’impresa Ohmyguide.travel, dopo aver frequentato il percorso formativo OASI  ed essersi messo sul campo a raccogliere feedback sul suo progetto.

Cristina Cunico, della Camera di commercio, è entrata nel merito dell’iniziativa, delineando l’offerta: un percorso in aula di 32 ore utile a rafforzare la base conoscitiva, 16 ore di laboratorio finalizzate a raccogliere le informazioni utili per costruire il piano di impresa, 20 ore di assistenza personalizzata, individuale, per la redazione del business plan, ovvero lo strumento principe di pianificazione e descrizione della propria idea di impresa ed ancora 2 ore di consulenza per pianificare l’apertura concreta della nuova impresa.

Un impegno reale sia per chi deciderà di frequentare il percorso sia per l’ente ed IFOA, suo partner organizzativo, che avranno il compito di fornire assistenza effettiva e mirata al piano concreto. Di concretezza e supporto informativo alle nuove imprese ha parlato anche Francesco Timpano, Vice Sindaco di Piacenza e Assessore allo Sviluppo economico che ha illustrato lo schema di intervento che è uscito dal Protocollo di intesa per lo Sportello STARTUPiacenza, documento condiviso e siglato da Comune di Piacenza, Camera di commercio, Provincia, Piacenza Expo ed Aster. Lo schema prevede un intervento coordinato tra tutti questi soggetti: “Se la Camera di commercio è la casa delle imprese” ha ricordato il Vice Sindaco, presso la Camera di commercio si farà l’accoglienza e l’orientamento dei neo-imprenditori. Un operatore sarà poi presente presso Urban Hub, il nuovo spazio che aprirà prima di Natale e nel quale si potrà fare attività di co-working, incubazione d’impresa, prototipazione digitale”.

Lo Sportello per le Nuove imprese (Genesi) che è operativo dai primi anni del 2000 presso la Camera di commercio sta raccogliendo le adesioni - anche attraverso colloqui individuali di orientamento - sul nuovo progetto. Sul sito sono disponibili le informazioni di dettaglio e tutti i contatti. Non tutti coloro che parteciperanno al percorso avranno accesso alla assistenza individualizzata. Vi sarà infatti uno step intermedio di valutazione (ad opera di una apposita commissione) sul piano imprenditoriale messo a punto nel corso dei primi moduli.

Sabato 12 dicembre, alle 10, grazie alla collaborazione con il Comune di Castel San Giovanni, un secondo incontro di presentazione si svolgerà presso il Centro culturale (in via Mazzini, 2) mentre mercoledì 16 dicembre, alle 16, ci si sposterà a Fiorenzuola, dove il Comune ha reso disponibile l’Auditorium. Il progetto, gratuito, è co-finanziato dal fondo di perequazione nazionale delle Camere di commercio (gestito dall’Unione italiana delle Camere di commercio).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento