rotate-mobile
Giovedì, 20 Giugno 2024
397 milioni nel 2022

Ricchezza dalla cultura: a Piacenza guidano il comparto editoria-stampa e videogames

Valore in crescita del 4,8% rispetto al 2021 per il sistema produttivo culturale-creativo piacentino e lieve aumento degli occupati, che passano da 6.600 a 6.629. L’analisi dell’Ufficio studi della Camera di Commercio dell’Emilia

Ricchezza dalla cultura: a Piacenza in primo piano editoria-stampa e videogames. Il sistema produttivo culturale e creativo piacentino ha sviluppato, nel 2022, attività il cui valore ha raggiunto i 397,8 milioni di euro, ovvero il 4,2% della ricchezza complessivamente prodotta in provincia di Piacenza. Il valore dato è risultato in crescita del 4,8% rispetto al 2021, con un contemporaneo lieve aumento degli occupati, che passano dai 6.600 del 2021 ai 6.629 nel 2022.

Sono questi i dati principali che emergono dalle analisi dell’Ufficio studi della Camera di Commercio dell’Emilia sui dati resi noti dalla Fondazione Symbola-Unioncamere con il XIII rapporto “Io sono cultura”, «che inquadrano l’importante incidenza della filiera creativa e culturale anche a livello locale» spiega la nota stampa dell’ente.

                                                                 PC (1)

«Analizzando nelle sue componenti la somma del valore aggiunto raggiunta nel 2022 - si sottolinea - vediamo che la parte del leone la fa la componente cosiddetta core, composta da industrie creative e culturali, come architettura e design, dalle attività di conservazione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico, dalle performing arts e arti visive, oltre che da attività come editoria e stampa, audiovisive, musicali o di comunicazione; una pluralità di attività che nel 2022 hanno sviluppato un valore pari a 202,7 milioni di euro (+5% rispetto al 2021) con oltre 3.731 addetti, quota in linea con quella dell’anno precedente. Alla ricchezza prodotta dai settori che sono il cuore della cultura, si deve aggiungere quella proveniente dalle attività creative driven, ovvero tutte le attività economiche non strettamente riconducibili alla dimensione culturale, ma caratterizzate da strette sinergie: una componente di rilievo che, a livello provinciale, rappresenta un valore aggiunto di 195,1 milioni di euro (+ 4,6%  rispetto al 2021) e 2.898 addetti, quota analoga a quella dell’anno precedente».

«Analizzando i settori core del sistema produttivo culturale e creativo – prosegue la Camera di Commercio dell’Emilia - emerge che il comparto editoria-stampa ha generato ricchezza per 63,1 milioni di euro nel 2022, con un incremento del 5,7% rispetto all’anno precedente e un’occupazione stabile a oltre 1.170 addetti. A seguire, le 174 imprese inerenti la produzione di software e videogames, che hanno generato ricchezza per 46,5 milioni di euro nel 2022 (+5,4 % sul 2021), occupando 702 addetti (+3% rispetto al 2021). Vengono poi le attività di architettura e design, capaci di produrre 38,2 milioni di euro di valore aggiunto, in linea con la quota raggiunta nel 2021, con 398 imprese che occupano 752 addetti».

«Un contributo importante - conclude l’analisi - è esercitato poi, in provincia di Piacenza, dalle performing arts e arti visive, che mostrano un valore aggiunto di 19,4 milioni di euro alla fine del 2022 (+ 9% rispetto al 2021). A seguire, i comparti comunicazione (13 milioni di euro), le attività di conservazione e valorizzazione del patrimonio storico e artistico, che si attestano nel 2022 a 12,2 milioni di euro, e audiovisivi e musica (10,2 milioni di euro)».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricchezza dalla cultura: a Piacenza guidano il comparto editoria-stampa e videogames

IlPiacenza è in caricamento